Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodi di simulazione storica per il calcolo del KiloVaR

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 una parte sistematica riferita a mutamenti nelle condizioni generali del mercato e una parte specifica che dipende dalle caratteristiche di ogni singola impresa e si riduce con la diversificazione del portafoglio. Per esempio, fissato il capitale da investire e acquistato un certo ammontare di titoli, i prezzi di quest’ultimi sono sottoposti ad oscillazioni che fanno variare in ogni istante il valore dell’investimento. 4) Rischio su commodities. La presenza di posizioni esposte al rischio di mercato è in questo caso riconducibile alle variazioni nei prezzi delle materie prime, qualora siano state costituite posizioni spot o a termine su merci e materie prime. Questo tipo di rischio influenzerà le posizioni assunte dagli operatori su tali mercati, soprattutto attraverso la stipula di contratti su derivati. Nella realtà il rischio di mercato esiste in varie forme. Nel caso delle istituzioni finanziarie, questo rischio proviene da quelle transazioni finanziarie avviate allo scopo di venire incontro alle esigenze dei propri clienti (ad esempio, l'acquisto o la vendita di titoli) o transazioni deliberatamente avviate per esporre l'istituzione ai movimenti di mercato, nell'aspettativa di sfruttare i movimenti favorevoli nei prezzi delle attività. Nel caso di un investitore, l'esposizione nasce dal rischio di subire perdite nel valore degli investimenti (direttamente o indirettamente, attraverso i prodotti derivati), a causa di variazioni avverse nel prezzo dei titoli. Nel caso di un'istituzione non finanziaria, quale ad esempio una società industriale, il rischio si riferisce soprattutto alle caratteristiche finanziarie delle transazioni (variazioni dei tassi d'interesse, variazioni dei tassi di cambio, valore delle attività o passività espresse in valuta straniera, cambiamento dei prezzi delle merci).

Anteprima della Tesi di Silvia Soldesti

Anteprima della tesi: Metodi di simulazione storica per il calcolo del KiloVaR, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Soldesti Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1955 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.