Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodi di simulazione storica per il calcolo del KiloVaR

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 può essere della società intera. Nel primo caso tale misura sarà interessante nel calcolo dell’efficienza del trader stesso, nel secondo tale valore può essere utile alla società che vuol sapere i probabili effetti del movimento del mercato sul portafoglio. Il VaR dà la risposta alla seguente domanda: “Qual è il più elevato importo che si può perdere con una probabilità dell’c% per un periodo T ?”. Per rispondere a tale domanda si deve tenere conto che il VaR di un portafoglio è funzione di due parametri, il periodo di tempo e il livello di confidenza. Se c% è il livello di confidenza e T giorni è l’orizzonte temporale, il calcolo del VaR è basato sulla distribuzione di probabilità degli scostamenti del valore del portafoglio su T giorni. Il VaR è uguale alla perdita subita al percentile 100-c della distribuzione [31]. In via preliminare, per procedere all’implementazione di un modello VaR e la misurazione del Valore a Rischio di un dato portafoglio occorre definire i due parametri fondamentali: l’orizzonte temporale e il livello di confidenza. La loro scelta andrà ad influenzare l’ammontare di rischio assegnato a ciascuna attività. L’orizzonte temporale di riferimento T, “holding period”, è il periodo di tempo futuro a cui si riferisce la valutazione del rischio. La decisione è discrezionale, ma di solito è pari a 1 giorno, 2 settimane lavorative (10 giorni), o un mese. I modelli VaR ipotizzano che la composizione del portafoglio non vari nell’arco temporale considerato. Questa ipotesi rimane valida solo se si considera un breve orizzonte temporale perché la composizione dei portafogli nella realtà tende a cambiare frequentemente. In generale l’orizzonte temporale varia da un minimo di un giorno ad un massimo di un anno, conseguentemente i risultati che ne derivano sono profondamente diversi tra loro. Il fattore che principalmente si deve tenere in considerazione per la scelta dell’orizzonte temporale è il livello di

Anteprima della Tesi di Silvia Soldesti

Anteprima della tesi: Metodi di simulazione storica per il calcolo del KiloVaR, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Soldesti Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1955 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.