Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il processo di combustione nei motori alternativi: sviluppo di procedure per lo studio delle emissioni di idrocarburi incombusti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- Introduzione - 16 figura 8 (Ciclo urbano giapponese Mode 10-15). Numerosi studi hanno dimostrato che, un motore alternativo, funzionante in transitorio, presenta livelli di emissioni inquinanti più elevati, rispetto a quelle che si hanno in condizioni di esercizio a regime. A supporto di ciò, riportiamo di seguito la Tabella F. Minimo Accelerazione Velocità costante Decelerazione % CO 2 9,5 10,5 12,5 - % CO 0,4 0,2 0,04 - % HC [ppm come C 1 ] 400 250 200 200 % NO x [ppm come NO] 30 400 200 30 Tabella F (Percentuali tipiche di alcuni costituenti dei gas di scarico di un motore ad accensione comandata per autovettura. Fonte: [VI]). Il secondo aspetto che caratterizza l’inquinamento urbano, è dato dalla tipologia, e dalla densità (veicoli per abitante) delle autovetture, che distingue un parco circolante civico. Come già visto precedentemente, il trend ascendente che ha contraddistinto la mobilità urbana dell’ultimo trentennio, ha determinato l’aumento del parco veicolare italiano, che a tutt’oggi si presenta ricco e diversificato come mostra la Tabella G.

Anteprima della Tesi di Emanuela Foglia

Anteprima della tesi: Il processo di combustione nei motori alternativi: sviluppo di procedure per lo studio delle emissioni di idrocarburi incombusti, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Emanuela Foglia Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3771 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.