Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina del terrorismo nel diritto penale francese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 la modalità d’azione è quasi sempre la stessa: gli adepti incaricati di assassinare un personaggio politico avverso si infiltravano segretamente nel suo entourage e lo colpivano con un pugnale sovente avvelenato 7 . Un sostegno “teorico” alle azioni di terrorismo d’opposizione si affaccia in epoca moderna, a partire dal XVI secolo, con l’affermazione di dottrine politiche che apologizzano il tirannicidio 8 e che trovarono illustrazione pratica con gli assassini di Enrico III 9 nel 1589 e di Enrico IV 10 nel 1610. 7 L’azione individuale era destinata a concludersi con il sacrificio dell’adepto, che costituiva, nell’ottica mistico religiosa della setta, garanzia di ascesa al Paradiso per quest’ultimo. 8 In realtà, già nel Medioevo, Giovanni da Salisbury (1115 ca. – 1180) giustificava ed esigeva il tirannicidio nei confronti dei governanti empi, corrotti o usurpatori, partendo da riflessioni bibliche e religiose. In epoca rinascimentale Lorenzino de’ Medici (1514 – 1548) nel suo scritto sull’Apologia lo considera estremo e doveroso atto d’amore verso la libertà. Con le guerre di religione numerosi pensatori, definiti in seguito “monarcomachi”, ne tenteranno una giustificazione teorica, introducendo nei loro scritti alcuni concetti quali la sovranità popolare e il contratto sociale: fra i protestanti si ricordano Teodoro di Beza, Francesco Hotman, Eusebio Filadelfo Cosmopolita, Giovanni Althusius; fra i cattolici Giovanni de Mariana e Francisco Suarez, gesuiti spagnoli, nonché il cardinale Roberto Bellarmino. 9 Enrico III di Valois, re di Francia e di Polonia, ucciso dal Clément, un fanatico domenicano dopo aver assediato Parigi, occupata dai cattolici nel quadro delle guerre di religione in Francia. 10 Enrico IV di Borbone, re di Francia, autore dell’editto di Nantes sulla libertà di coscienza degli ugonotti (1598). Fu ucciso dal Ravaillac, un fanatico cattolico.

Anteprima della Tesi di Alberto Michelis

Anteprima della tesi: La disciplina del terrorismo nel diritto penale francese, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alberto Michelis Contatta »

Composta da 215 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1835 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.