Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina del terrorismo nel diritto penale francese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Numerosissime poi le manifestazioni del fenomeno nel corso dell’ottocento. In Italia proliferano le società segrete e si moltiplicano le azioni patriottiche volte all’unificazione e alla liberazione dalla dominazione asburgica. In Russia fra il 1878 e il 1881 opera il movimento nichilista Norodnya Volya, cui si addebitano gli omicidi del governatore generale di S. Pietroburgo, del capo della polizia e dello Zar Alessandro II. Un’ondata di terrorismo travolge la Francia fra il 1892 e il 1894 con numerosi attentati incendiari, esplosioni e omicidi eccellenti, primo fra tutti quello del Presidente della Repubblica Sadi Carnot: la reazione decisa dello Stato è attuata anche con le “leggi scellerate” che danno competenza ai tribunali militari per il giudizio dei crimini politici, in particolare reprimendo l’associazione e la propaganda anarchica. Qualche anno dopo, fra il 1911 e il 1912, è la celebre “banda Bonnot” che si segnala per un considerevole numero di attentati e assassini a scopo di furto o rapina: anche in questo caso la motivazione politica sottostante era di tipo anarchico, malgrado la banda versasse per la causa politica solo il 10% dei proventi delle azioni criminali; i suoi componenti, fra cui Ravachol, Vaillant, Caserio e Emile Henry, furono ben presto arrestati, giudicati e condannati alla pena capitale. Un discorso del tutto isolato occorre poi fare per il terrorismo contemporaneo, un insieme eterogeneo di fenomeni diversi per origini e finalità, accomunati da un’identica modalità di espressione che vede nella violenza simbolica e indiscriminata, diretta ad intimidire e a terrorizzare l’opinione pubblica un metodo di autoaffermazione.

Anteprima della Tesi di Alberto Michelis

Anteprima della tesi: La disciplina del terrorismo nel diritto penale francese, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alberto Michelis Contatta »

Composta da 215 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1835 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.