Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Apprendimento e motivazione allo studio negli studenti universitari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L’approccio metacognitivo 7 Capitolo primo L’APPROCCIO METACOGNITIVO Da un punto di vista storico il punto di partenza della teoria metacognitiva è rappresentato dagli studi di Flavell (1971) sulla metamemoria nei bambini, nei primi anni settanta. La metamemoria viene definita da Flavell come conoscenza potenzialmente verbalizzabile che una persona possiede su vari aspetti di immagazzinamento e recupero dell’informazione. Flavell avanza l’ipotesi che le scarse prestazioni di memoria siano imputabili ad una carente produzione strategica, cioè all’incapacità di usare spontaneamente le strategie di memoria, e suppone che tale carenza sia rimediabile con l’addestramento. Se in precedenza le differenze individuali nel ricordo erano imputate a diverse strutture di memoria, con Flavell si attribuiscono a differenti modalità d’uso delle strategie a disposizione (Passolunghi De Beni 2001). Dagli inizi degli anni settanta vi è stata, quindi, una crescente attenzione alla consapevolezza dei propri e degli altrui processi cognitivi e allo sviluppo di tale consapevolezza. 1. LA METACOGNIZIONE La metacognizione oggi è definita come quell’insieme di attività psichiche che presiedono al funzionamento cognitivo (Cornoldi 1995). Il costrutto metacognizione comprende due aspetti fondamentali: 1) la conoscenza metacognitiva che un individuo possiede in relazione al proprio funzionamento mentale e al funzionamento mentale in generale (l’insieme di credenze, opinioni, convinzioni su come lavora la mente); 2) i processi di controllo e autoregolazione messi in atto durante lo svolgimento di un compito, per esempio interrogarsi su come sta procedendo l’esecuzione di un compito e di conseguenza decidere se è il caso di cambiare il proprio modo di agire (Passolunghi, De Beni 2001).

Anteprima della Tesi di Michele Poletti

Anteprima della tesi: Apprendimento e motivazione allo studio negli studenti universitari, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Michele Poletti Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10169 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.