Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Apprendimento e motivazione allo studio negli studenti universitari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L’approccio metacognitivo 10 In letteratura s’incontra spesso l’interrogativo dell’esistenza, all’interno della conoscenza metacognitiva, di un “nocciolo duro” di particolare importanza funzionale (ibidem): tale interrogativo nasce dalla constatazione che non tutte le metaconoscenze sono ugualmente in grado di favorire l’apprendimento di nuove conoscenze e costituire la molla per l’avvio di azioni ad esse conseguenti. Esisterebbero quindi elementi di conoscenza metacognitiva capaci di produrre nuove e particolari abilità metacognitive: la presenza o meno di tali elementi potrebbe per esempio spiegare perchè in condizioni apparentemente simili due individui sono portati a sviluppare in modo differente riflessioni adeguate sul proprio funzionamento mentale o perchè due soggetti che ugualmente conoscono una medesima strategia la applicano poi con modalità e in misura differenti (ibidem). Questa componente metacognitiva basilare è stata concettualizzata in diversi contributi, sistematizzati nella tabella 1.2. Flavell (1976), considerando il caso di bambini piccoli e lo sviluppo in essi del riconoscimento delle caratteristiche peculiari delle richieste di un compito, chiama tale componente Sensativity; la definizione di sensativity si riferisce quindi alla nascita della consapevolezza legata all’uso di processi controllati volontari. Borkowsky, Milstead e Hale (1988) distinguono questa componente essenziale in conoscenza delle relazioni tra strategie e conoscenza generale strategica, un cui nucleo fondamentale è costituito dal ruolo positivo assegnato alle strategie. Analogamente Cornoldi (1995) distingue tra conoscenza e atteggiamento metacognitivo, preferendo questo secondo termine per sottolineare come questo nucleo basilare di conoscenza metacognitiva è più di un semplice normale insieme di conoscenze. In esso infatti l’aspetto conoscitivo è connesso in modo molto stretto con quello emotivo e ha conseguenze forti sul comportamento di un individuo.

Anteprima della Tesi di Michele Poletti

Anteprima della tesi: Apprendimento e motivazione allo studio negli studenti universitari, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Michele Poletti Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10169 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.