Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Unione europea e gli aiuti umanitari. La crisi dei Grandi Laghi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo / Aiuto allo sviluppo e aiuto umanitario _______________________________________ ________________________________________ 13 Tuttavia, la Comunità Europea agisce nell'area anche tramite l'aiuto tecnico e finanziario, sulla base dell'art.308 (ex art.235), considerato sino a Maastricht pietra miliare di tutto il sistema dell'aiuto allo sviluppo. Gli obiettivi di tale sostegno sono principalmente la realizzazione di progetti per lo sviluppo dell'ambiente rurale e la produzione alimentare e progetti di integrazione regionale. I finanziamenti assumono la forma di aiuti non rimborsabili emanati dalla stessa Comunità, di co-finanziamenti con gli Stati membri o con organizzazioni regionali. 1.5 - RACCORDO TRA AIUTO, RICOSTRUZIONE E SVILUPPO: LA COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE DEL 1996 "Un migliore sviluppo può ridurre la necessità di aiuti d'urgenza, un migliore aiuto può contribuire allo sviluppo e una migliore ricostruzione può agevolare la transizione dall'uno all'altro" 18 . Secondo la Commissione l'esigenza di formare un collegamento fra queste tre fasi risiede nel fatto che la riparazione di situazioni disastrose richiede lunghi periodi di ricostruzione. Durante la fase di attuazione della politica di sviluppo si rischia di trascurare l'esigenza immediata di proteggere le vittime e aiutarle a far fronte alle situazioni di emergenza. Si viene, quindi, a creare un modello a tre dimensioni, in apparenza facile, in realtà di difficile realizzazione, in quanto molte situazioni d'emergenza sono dovute proprio a condizioni di instabilità politica, economica e sociale, cioè a crisi di carattere cronico, alle quali mal si adatta l'aiuto umanitario inteso come provvedimento d'urgenza e limitato nel tempo. La comunicazione della Commissione del 1996 cerca di trovare delle soluzioni per ovviare allo scarto che separa i programmi di aiuto d'urgenza da quelli di sviluppo, attuando piani complementari ed il più possibile coerenti per rendere ancora più efficace l'intervento a favore dei paesi interessati. 18 COMMISSIONE EUROPEA, Comunicazione al Consiglio e al Parlamento Europeo relativa al collegamento tra aiuto, ricostruzione e sviluppo, COM(96) 153 del 30 aprile 1996.

Anteprima della Tesi di Serena Sartini

Anteprima della tesi: L'Unione europea e gli aiuti umanitari. La crisi dei Grandi Laghi, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Serena Sartini Contatta »

Composta da 246 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6746 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.