Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Unione europea e gli aiuti umanitari. La crisi dei Grandi Laghi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo / Aiuto allo sviluppo e aiuto umanitario _______________________________________ ________________________________________ 7 - L'art.308 (ex art.235): la Comunità vi ha fatto spesso ricorso per ampliare la propria sfera di competenza in vari ambiti. La norma afferma che: «Quando un'azione della Comunità risulti necessaria per raggiungere, nel funzionamento del mercato comune, uno degli scopi della Comunità, senza che il presente trattato abbia previsto i poteri d'azione a tal uopo richiesti, il Consiglio, deliberando all'unanimità su proposta della Commissione e dopo aver consultato il Parlamento Europeo, prende le disposizioni del caso». Si tratta della codificazione del principio dei poteri impliciti, secondo cui un'organizzazione internazionale può utilizzare tutti i mezzi a sua disposizione per raggiungere gli scopi previsti dal trattato istitutivo dell'organizzazione stessa, anche quando tali mezzi non sono espressamente previsti nel testo del trattato. - Infine, in certi casi, quando l'intervento previsto rientrava nella materia agricola, si è fatto ricorso all'art.37 (ex art.43). L'approccio comunitario ai problemi dello sviluppo ha poi subito modifiche significative nel corso del tempo. La prima tappa importante è stata la presentazione del "Memorandum della Commissione su una politica comunitaria di cooperazione allo sviluppo" 3 del 1971, completata nel 1972 al Vertice di Parigi (19-20 ottobre), che ha fornito la base politica necessaria alla definizione concreta della svolta. La Commissione offriva spunti e dibattiti sugli orientamenti di una politica di cooperazione che consentisse alla Comunità di «Rendere più manifesta la solidarietà con i paesi in via di sviluppo». Ulteriore conferma della nuova tendenza comunitaria è stato il Memorandum Pisani del 1982 4 , dal nome del suo ideatore, in cui si sottolineava che la politica di sviluppo è «L'espressione dell'identità europea sul piano internazionale e la componente essenziale della politica estera della 3 COMMISSIONE EUROPEA, "Memorandum della Commissione su una politica comunitaria di cooperazione allo sviluppo. Documento di sintesi (27 luglio 1971)", in Supp. Boll. CE 9-10/1971. 4 COMMISSIONE EUROPEA, "Memorandum sulla politica comunitaria di sviluppo", Suppl. Boll. CE 5/1982, dovuto essenzialmente al Commissario Edgar Pisani, responsabile in quel periodo del settore. Cfr. inoltre www.volint.it/scuola/pubblico/4cooperazione/c17/c17t03.htm.

Anteprima della Tesi di Serena Sartini

Anteprima della tesi: L'Unione europea e gli aiuti umanitari. La crisi dei Grandi Laghi, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Serena Sartini Contatta »

Composta da 246 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6746 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.