Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Unione europea e gli aiuti umanitari. La crisi dei Grandi Laghi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo / Aiuto allo sviluppo e aiuto umanitario _______________________________________ ________________________________________ 8 Comunità» e che «manifesta una volontà di solidarietà con i paesi più poveri e traduce una coscienza politica ed umana, oltre che economica, dell'interdipendenza tra le regioni del mondo» 5 . Tuttavia, solamente con il Trattato di Maastricht la svolta assume un rilievo di tipo normativo. Il Titolo XX (ex XVII) è dedicato alla «Cooperazione allo sviluppo», che quindi diventa politica comunitaria a tutti gli effetti. I riferimenti sono agli artt.177 (ex 130U): «La politica della Comunità nel settore della cooperazione allo sviluppo, che integra quella svolta dagli Stati membri, favorisce lo sviluppo economico e sociale sostenibile dei paesi in via di sviluppo nell'economia mondiale; l'inserimento armonioso e progressivo dei paesi in via di sviluppo nell'economia mondiale; la lotta contro la povertà nei paesi in via di sviluppo»; l'art.180 (ex 130X) che prevede un coordinamento delle politiche della Comunità e degli Stati membri in materia; infine l'art.181 (ex 130Y) dispone che «Nell'ambito delle rispettive competenze, la Comunità e gli Stati membri collaborano con i paesi terzi e con le competenti organizzazioni internazionali». Nel corso di quasi trent'anni la politica comunitaria si è sostanzialmente attuata tramite forme di cooperazione economica, lungo tre direttrici: 1. con alcuni Stati dell'Africa Subsahariana, del Pacifico e dei Caraibi; 2. con i paesi del Mediterraneo; 3. con i paesi in via di sviluppo dell'Asia e dell'America Latina. Analizziamo brevemente le tre forme di cooperazione della Comunità. 1.2 - I RAPPORTI CEE-ACP: DA YAOUNDÈ A LOMÈ I rapporti tra la Comunità Europea ed i Paesi dell'Africa, Caraibi e Pacifico si intensificarono negli anni immediatamente successivi alla creazione della Comunità stessa. I paesi e territori d'Oltremare legati agli Stati membri da ragioni storiche ed economiche cominciarono il processo di 5 GUIZZI V., "Manuale di diritto e politica dell'Unione Europea", Napoli, Editoriale Scientifica, 1995.

Anteprima della Tesi di Serena Sartini

Anteprima della tesi: L'Unione europea e gli aiuti umanitari. La crisi dei Grandi Laghi, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Serena Sartini Contatta »

Composta da 246 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6746 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.