Skip to content

Le regole in Internet: netiquette, autoregolamentazione, deontologia

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
VII Sempre con riferimento alla scelta di autoregolamentazione da parte di Internet, non si può tralasciare di considerare il file sharing, ovvero la condivisione di documenti che, oltre ad essere un evento legato ad Internet, è soprattutto un fatto sociale e di cultura, con gli inevitabili effetti in ambito giuridico postulati dal noto brocardo “ubi societas ibi jus”. In seguito alla diffusione del famoso programma Napster che, come tutte le invenzioni geniali, fu partorito quasi per errore dalla mente di un giovane studente universitario, fu infatti possibile scambiare da un computer all’altro canzoni e brani musicali opportunamente compressi in file di dimensioni ragionevoli. Questo scambio, che assunse proporzioni incalcolabili, contrastava però con le leggi sul copyright e sul diritto d’autore in quanto permetteva agli utenti di entrare in possesso di prodotti dell’ingegno senza pagare i relativi diritti. Napster ora non c’è più, è stato chiuso al termine di una lunga battaglia giudiziaria messa in atto dalle maggiori case discografiche, ma è stato sostituito da programmi più evoluti che permettono persino la condivisione e lo scambio di film e software. Ovviamente anche la legislazione mondiale e la giurisprudenza non sono rimaste indifferenti al fenomeno che, se anche pare sotto controllo, continua a coinvolgere milioni di utenti in tutto il mondo. Ma Internet è soprattutto sinonimo di “siti web” e non poteva mancare quindi, in questa trattazione, un ampio spazio dedicato agli aspetti giuridici relativi ai siti con particolare attenzione alle problematiche riguardanti il loro contenuto ed alla responsabilità di chi immette sulla rete, come autore o come service provider, messaggi o immagini lesivi di diritti soggettivi o della pubblica morale. Si riporta, in tale contesto, il caso emblematico della vendita all’asta di cimeli nazisti sul sito del portale Yahoo! contro il quale si pronunciò con sentenza il giudice francese. Anche per evitare simili episodi già dal 1998, su invito dell’allora Ministero delle Poste e Telecomunicazioni, i provider italiani elaborarono una bozza di codice di autoregolamentazione che, tra critiche e propositi di revisione, non ha ancora trovato applicazione, nonostante le promesse del Ministro per le Comunicazioni. Comunque, un codice a livello nazionale, sarebbe solo il primo passo verso una più efficace regolamentazione a livello internazionale o, per lo meno, in ambito comunitario. Per quanto concerne la tutela della privacy degli internauti, un esteso dibattito si è aperto in merito all’utilizzo e alla conservazione dei c.d. file di log, documenti nei
Anteprima della tesi: Le regole in Internet: netiquette, autoregolamentazione, deontologia, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Le regole in Internet: netiquette, autoregolamentazione, deontologia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Zevola
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giovanni Ziccardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 229

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

e-mail
internet
netiquette
newsgroup
posta elettronica
codice della privacy
d.lgs. 196/2003
codici di autodisciplina
codici deontologici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi