Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Imprenditore agrituristico e fallimento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 La carenza di leggi-cornice, nel momento in cui sono state istituite le Regioni ordinarie, ha imposto una diversa soluzione, di tipo compromissorio 8 . L'art. 9 è stato abrogato dall'art. 17 della legge 16 maggio 1970, n. 281, che dispone che "l'emanazione di norme legislative da parte delle Regioni nelle materie stabilite dall'art. 117 della Costituzione si svolge nei limiti dei principi fondamentali quali risultano da leggi che espressamente li stabiliscono per le singole materie o quali si desumono dalle leggi vigenti". La Corte Costituzionale ha avvalorato questo nuovo indirizzo legislativo con la sentenza 4 marzo 1971, n. 39 in cui ha affermato che "l'esercizio della potestà legislativa regionale rischiava di essere procrastinata sine die ed era comunque praticamente rimesso alla mera discrezione del legislatore statale" 9 . A partire dagli anni settanta sono state emanate alcune leggi quadro riguardanti alcune materie della competenza regionale concorrente. Questo ha sollevato il problema della sorte delle leggi regionali già entrate in vigore nelle medesime materie, ma in contrasto con le leggi-cornice. Sul punto la dottrina si era divisa fra coloro 10 che ritenevano che le leggi regionali pur conservando la loro efficacia, sarebbero divenute illegittime e impugnabili solamente dinanzi alla Corte Costituzionale e fra coloro 11 che invece sostenevano che la successiva legge statale avrebbe prodotto l'abrogazione della precedente e incompatibile disciplina legislativa regionale. La legge n. 62 del 1953 ha accolto quest'ultimo indirizzo disponendo che "le leggi della Repubblica che modificano i principi 8 Cfr. L. PALADIN, Le fonti del diritto italiano, op. cit., p. 333. 9 Sentenza 4 marzo 1971 n. 39, in Giur. Cost., 1971 p. 182, con nota di L. PALADIN "Sulle funzioni di indirizzo e coordinamento nelle materie di competenza statale". 10 G. BALLADORE PALLIERI, La nuova Costituzione italiana, Milano, 1948, p. 135. 11 M. MAZZIOTTI, Considerazioni sui rapporti fra le leggi regionali e le leggi statali secondo la Costituzione, Milano, 1957, pp. 83-84.

Anteprima della Tesi di Giovanni Camplani

Anteprima della tesi: Imprenditore agrituristico e fallimento, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Camplani Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3768 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.