Skip to content

Giusto processo e diritto dell'imputato a confrontarsi con l'accusatore

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I 1 CAPITOLO I IL DIRITTO AL CONFRONTO QUALE FONDAMENTALE DIRITTO DELL’UOMO TRA STORIA E COMPARAZIONE §1. FONDAMENTI E PIANO D’INDAGINE Il confronto tra accusato e «accusatore» 1 risveglia emozioni primordiali ancor prima che speculazioni giuridiche. La contestazione di un addebito, sebbene non formalizzata con i crismi dell’incriminazione penale, induce l’uomo, additato come colpevole, ad invocare una singolar tenzone, di natura quasi fisi- ca, con chi ha sollevato le accuse: si faccia avanti in pubblico, se ne ha il coraggio, e dica ad alta voce ciò che sa, sotto giuramento, accettando di sottoporsi al contraddittorio. Come si dimostrerà in questo studio, il tema del «diritto al confronto» con i testimoni a carico solleva delicate questioni di teoria e politica del diritto che, per la verità, da sempre percorrono il di- battito tra gli studiosi del processo penale. Ivi, infatti, la contestazione dell’addebito mette a repenta- glio la reputazione, la libertà personale e, talora, persino la stessa sopravvivenza dell’accusato. Si dirà che il diritto al confronto ha natura «fondamentale»: alla legittima aspettativa del cittadino che riven- dica tutela di fronte all’apparato giudiziario non potrà dunque contrapporsi il richiamo ai valori di og- gettività ed efficienza, finalizzati alla salvaguardia delle posizioni di primato dei pubblici poteri. L’aspetto più problematico dello studio del diritto al confronto, tuttavia, risiede nel fatto che l’attuazione concreta di tale diritto riposa, in massima parte, sui meccanismi procedurali relativi all’acquisizione delle fonti di prova, in particolare di quella lato sensu «testimoniale». A questo propo- sito, deve sottolinearsi che, allo stato attuale dell’evoluzione storica così come nei secoli passati, ogni ordinamento dotato di giurisdizione penale è sovrano assoluto della propria normazione probatoria. 1 È opportuno sgombrare fin d’ora il campo da un possibile equivoco terminologico. Nei sistemi contemporanei di giustizia criminale, il ruo- lo di «accusatore» in senso formale è attribuito dalla legge ad un organo dell’amministrazione pubblica (e.g. Procura della Repubblica, Par- quet, District Attorney’s Office, Crown Prosecution Service, Staatsanwaltschaft etc…). Tale organo è funzionalmente investito del compito di promuovere l’azione penale secondo le disposizioni del diritto nazionale. Non si vuole con ciò disconoscere come, nell’evoluzione storica della procedura penale, siano esistiti anche sistemi a contesa disponibile (così la Grecia arcaica, per esempio) in cui il ruolo di accusatore era assegnato al privato cittadino, dalla cui esclusiva volontà dipendeva l’instaurazione del processo. In questo studio, peraltro, ogni successivo riferimento all’«accusatore» deve intendersi circoscritto alle fonti «sostanziali» delle prove a carico dell’accusato, ossia ai soggetti che apportano un contributo «testimoniale» sfavorevole all’imputato. In altre parole, il termine «accusatore» è qui utilizzato quale sinonimo di «testimone a carico», in un’accezione non inedita per la dottrina processual-penalistica italiana (cfr. P. TONINI, Il diritto a confrontarsi con l’accusatore, in Dir.pen.proc., 1998, p. 1506; ID., Diritto dell’imputato a interrogare colui che lo accusa e diritto di non rispondere, in Dir.pen.proc., 1997, p. 353-357; C. FANUELE, Il diritto dell’accusato a confrontarsi con il proprio accusatore nel procedimento cautelare, in Dir.pen.proc., 2003, p. 71-76; C. CONTI, Profili penalistici della testimonianza assistita: l’esimente dell’art. 384 c.p. tra diritto al silenzio e diritto a confrontarsi con l’accusatore, in Riv.it.dir.proc.pen., 2002, p. 840-866; M. E. CATALDO, Diritto a confrontarsi con il proprio accu- satore e lettura delle precedenti dichiarazioni per impossibilità di ripetizione: un difficile equilibrio, in Foro toscano, 2000, p. 289-291; D. VIGONI, Ius tacendi e diritto al confronto dopo la l. n. 63 del 2001: ipotesi ricostruttive e spunti critici, in Dir.pen.proc., 2002, p. 87-104 e, in prospettiva comparatistica, C. VETTORI, Il diritto a confrontarsi con l’accusatore nell’ordinamento inglese, in Cass.pen., 2000, p. 2836- 2843; V. SANTORO, Il cambio da coimputato a teste esalta il confronto, in Guida dir., 2001, n. 13, p. 48; M. MONTAGNA, Diritto al silenzio e diritto al confronto, in G. CERQUETTI - C. FIORIO (a cura di), Dal principio del giusto processo alla celebrazione di un processo giusto, Ce- dam, Padova, 2002, p. 143 s.). Al «fondamentale diritto di confrontarsi con la fonte di accusa» fa riferimento anche, in giurisprudenza, Corte cost., 2 novembre 1998, n. 361, in Giur.cost., p. 3127-3128.
Anteprima della tesi: Giusto processo e diritto dell'imputato a confrontarsi con l'accusatore, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Giusto processo e diritto dell'imputato a confrontarsi con l'accusatore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Maffei
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Dottorato in diritto e procedura penale
Anno: 2004
Docente/Relatore: Franco Della Casa
Istituito da: Università degli studi di Genova
Dipartimento: DIPU Dipartimento di diritto pubblico e processual
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 251

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giusto processo
testimoni anonimi
testimoni assenti
testimoni vulnerabili
diritto penale
diritto al confronto con l'accusatore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi