Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Costruzione etico-sociale del doping tra scienza e diritto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

VI successivi si è cercato innanzitutto di individuare ed esaminare attraverso quali strumenti l’ordinamento sportivo e quello ordinario affrontano questo crescente fenomeno, ponendo particolare attenzione allo strumento della repressione penale. È emerso che, mentre l’ordinamento sportivo ha sempre cercato di condurre una costante lotta al doping, con più o meno efficaci interventi di tutela e prevenzione (a questo scopo sopra tutti il Regolamento dell’attività antidoping 5 giugno 2001 adottato dal CONI ed applicato dalle Federazioni Sportive Nazionali), l’ordinamento statale si è occupato seriamente del problema solo a partire dagli ultimissimi anni. È infatti negli ultimi dieci anni, causa il dilagare forse inaspettato e così repentino del fenomeno doping che ha provocato un forte allarmismo sociale, anche alla luce dei numerosi casi saltati fuori a raffica, che gli studiosi del diritto hanno prestato maggiore attenzione alla materia ed hanno evidenziato la presenza di un vuoto normativo, cercando di colmarlo con l’introduzione della nuova legge antidoping 376/2000. Tutto quello che ha preceduto la vigente normativa è una serie di interventi legislativi e di proposte di legge non uniformi, rimasti di fatto inattuati e superati ampiamente dal grado evolutivo ed espansionistico del fenomeno in questione. Un primo vero e proprio intervento in materia di doping si è avvertito con la legge antidoping 1099/71, che prevedeva inizialmente reati di natura contravvenzionale puniti con la semplice ammenda e al massimo con anche una sanzione di tipo disciplinare. In seguito la normativa antidoping è stata depenalizzata (legge 689/1981), così che tutti gli illeciti penali, previsti in materia di doping, sono stati trasformati in illeciti amministrativi. In attesa della recente legge 376/2000, la possibilità di attribuire rilevanza penale ai fatti di doping dipendeva in questo modo dalla riconducibilità di tali fatti ad ipotesi delittuose, previste da singole leggi o dallo stesso codice penale (riferimenti specifici al Testo Unico in materia di stupefacenti, D.P.R. 309/1990, e alla legge

Anteprima della Tesi di Stefano Cè

Anteprima della tesi: Costruzione etico-sociale del doping tra scienza e diritto, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Stefano Cè Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7132 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.