Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal trasporto marittimo al trasporto multimodale: la necessità di una nuova disciplina della responsabilità del vettore di cose

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

150 causati [solamente] 203 da uno degli eventi considerati, si deve presumere, in assenza di prova contraria, che né la sua colpa né quella né quella del performing party abbiano causato [o contribuito a causare] 204 il fatto. La seconda soluzione afferma invece che (sempre se la perdita, il danno o il ritardo nella riconsegna dei beni sono stati causati solamente da uno degli eventi elencati) il vettore non deve essere considerato responsabile a meno che non venga dimostrata la sua colpa o quella del performing party nel causare la perdita, il danno o il ritardo. La differenza nelle due formulazioni dell’art. 14.2 (versione A), consiste nell’attribuire maggiore rilevanza al regime di “presunzione di responsabilità” o a quello di “esonero di responsabilità”, salvo prova contraria della colpa del vettore. Il problema della formulazione da accogliere non appare di semplice soluzione. Tuttavia in linea generale, sembrerebbe preferibile adottare la seconda delle due formulazioni in argomento: essa infatti stabilisce chiaramente i limiti di irresponsabilità del vettore, riconoscendo inoltre il diritto del caricatore di provare che la perdita e il danno sono stati causati in tutto o in parte da colpa del vettore. L’opportunità di mantenere l’elenco dei pericoli eccettuati, in merito sia agli esoneri in senso tecnico (artt. 4.2 (a) e (b) delle Regole dell’Aja e di Visby del 1924), sia agli eventi normalmente non 203 È stato proposto di aggiungere la parola “solamente” alle disposizioni di questo articolo, rispetto alle disposizioni dell’art. 4.2 delle Regole dell’Aja e di Visby, se si intende considerare i pericoli eccettuati come casi di esonero di responsabilità, piuttosto che di inversione dell’onere probatorio. 204 È stato proposto di eliminare queste parole, soprattutto se gli eventi elencati devono essere considerati come esoneri di responsabilità. V. il documento A/CN.9/525, cit., par. 42.

Anteprima della Tesi di Elisa Vadala

Anteprima della tesi: Dal trasporto marittimo al trasporto multimodale: la necessità di una nuova disciplina della responsabilità del vettore di cose, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Elisa Vadala Contatta »

Composta da 288 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7706 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.