Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal trasporto marittimo al trasporto multimodale: la necessità di una nuova disciplina della responsabilità del vettore di cose

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

154 Anche in questo caso il testo è analogo al corrispondente art. 4.2 (n) e (o) della Convenzione di Bruxelles del 1924, considerando inoltre il difetto di imballaggio, non solo di marche. (g) Difetti latenti non scopribili con l’uso della ragionevole diligenza. Questa disposizione corrisponde all’art. 4.2 (p) delle Regole dell’Aja e di Visby. Non essendo dato chiaro cenno dei beni ai quali viene riferito tale tipo di difetto, nel Commento al Draft Instrument si manifesta l’opportunità di precisare che esso debba inteso relativamente ai vizi occulti della nave 209 . Così come osservato dalla dottrina 210 , in realtà questo pericolo eccettuato è già stato compreso nella formulazione dell’art. 14.1, il quale afferma che se il vettore prova che la perdita o il danno è stato causato da vizio occulto, la sua responsabilità è esclusa; quindi questa disposizione potrebbe essere eliminata. (h) Trattamento, carico, stivaggio o scarico delle merci. La dottrina 211 ha sostenuto che un patto delimitativo della prestazione, sia da parte del vettore che del performing party, non può essere considerato un esonero di responsabilità. Di conseguenza, questo pericolo eccettuato dovrebbe essere eliminato poiché le operazioni di trattamento, carico, stivaggio e scarico delle merci devono essere considerate all’interno del periodo di responsabilità del vettore, anche se eseguite da o per conto del caricatore, del controlling party o del destinatario in virtù dell’art. 11.2 (di cui si è già dato cenno 212 ). 209 V. CMI Draft Instrument on Transport Law, cit., pag. 373. 210 BERLINGIERI ZUNARELLI, Il Draft Instrument, I, cit., pag. 31. 211 BERLINGIERI ZUNARELLI, Il Draft Instrument, I, cit., pag. 32. 212 V. par. 4.6 della presente tesi.

Anteprima della Tesi di Elisa Vadala

Anteprima della tesi: Dal trasporto marittimo al trasporto multimodale: la necessità di una nuova disciplina della responsabilità del vettore di cose, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Elisa Vadala Contatta »

Composta da 288 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7708 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.