Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Opportunità di crescita delle Pmi e private equity

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione II effetti che essa dovrebbe avere sulla capitalizzazione delle imprese, mettendo il luce anche i limiti che caratterizzano la riforma. La conclusione del primo capitolo riguarda le relazioni tra decisioni strategiche e finanza, sulla base di un modello definito “della qualità”. Tale modello è stato sviluppato per sostenere che migliorare l’allocazione delle risorse dell’impresa per mezzo della creazione di un circolo virtuoso tra strategie competitive e strategie di finanziamento, dovrebbe essere un obiettivo perseguito per mezzo dall’aumento della coerenza sia tra le diverse aree aziendali responsabili delle strategie in oggetto sia tra gli investimenti realizzati e le relative fonti di finanziamento. La trattazione prosegue prendendo in esame le problematiche che contraddistinguono le PMI italiane: partendo dall’esame dei problemi che caratterizzano il mancato sviluppo delle imprese minori e dal rapporto tra banche e PMI, che finora non lo ha favorito, si prendono in considerazione i problemi “culturali” degli imprenditori italiani, poco inclini all’apertura del capitale a soggetti esterni e in genere restii ad intraprendere operazioni di finanza innovativa. Vengono poi messi in luce i limiti degli assetti proprietari delle imprese minori italiane, prendendo in esame, in particolare, i problemi che le imprese “familiari” (di cui fanno parte la maggioranza delle PMI italiane) incontrano nell’aprire la propria compagine sociale ad un investitore istituzionale. Viene quindi ipotizzato un modello di corporate governance che renderebbe meno difficoltosa la diffusione del private equity A conclusione del secondo capitolo viene analizzata l’opzione della quotazione, i limiti dei mercati finanziari italiani e la conseguente difficoltà degli investitori istituzionali ad uscire dal capitale delle aziende con profitti

Anteprima della Tesi di Riccardo Roesstorff

Anteprima della tesi: Opportunità di crescita delle Pmi e private equity, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Riccardo Roesstorff Contatta »

Composta da 262 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13920 click dal 10/05/2005.

 

Consultata integralmente 55 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.