Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili critici della patrimonializzazione degli intermediari assicurativi e creditizi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

alle modalità di copertura. Le stesse sono classificate, poi, a seconda che siano relative a contratti di assicurazione sulla vita o contro i danni e presentano denominazioni diverse in relazione alla natura della garanzia che assolvono. Il margine di solvibilità, invece, deve essere costituito con quella parte del capitale libero da impegni verso gli assicurati e può essere inteso come cuscinetto supplementare che serve per far fronte ai possibili imprevisti che possono manifestarsi e che possono intaccare la solidità finanziaria dell’impresa. Esso è uno strumento complementare al capitale minimo e alle riserve tecniche e, a differenza di queste ultime, è determinato considerando un’ulteriore componente rispetto all’attività svolta dall’impresa: l’attività che si prevede per il futuro. Non gode del principio di funzionamento - tipico dell’attività assicurativa - nel quale le riserve tecniche sono costituite con i premi raccolti. Deve essere costituito con i capitali apportati dagli azionisti o, in generale, utili e attività dell’impresa stessa. Le varie direttive che regolano il margine di solvibilità precisano quali beni possono entrarne a far parte e quali valori sono esclusi. In linea di massima, la scelta comunitaria privilegia la costituzione del margine con attività che presentano un buon grado di liquidità e non eccessivamente rischiose. Il margine è differenziato, nelle fasi di calcolo, per il ramo vita e per il ramo danni. Ogni formula cerca di prendere in considerazione i fattori rilevanti del ramo: riserve matematiche e capitali sotto rischio (rami vita); riserve tecniche e premi (rami danni). Oltre al valore del margine di solvibilità, la normativa stabilisce un livello minimo di questo che deve essere obbligatoriamente mantenuto sempre dall’impresa di assicurazione dal momento

Anteprima della Tesi di Pasquale Ferricelli

Anteprima della tesi: Profili critici della patrimonializzazione degli intermediari assicurativi e creditizi, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pasquale Ferricelli Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2961 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.