Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili critici della patrimonializzazione degli intermediari assicurativi e creditizi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

disparità, in termini di concorrenza, fra i sistemi stessi. Gli obiettivi di tale accordo erano quello di rafforzare la solidità e solvibilità del sistema bancario internazionale – attraverso l’introduzione di requisiti minimi di capitale correlati al rischio - e quello di ridurre le differenze competitive fra le banche attive a livello internazionale - attraverso l’introduzione di un approccio standard. Con ciò si tendeva a ridurre il verificarsi di crisi bancarie senza minare la concorrenza internazionale all’interno dell’industria bancaria. Col passare del tempo lo schema fornito dall’accordo dell’ 88 ha reso evidenti i suoi limiti evidenziando che la diversità del merito creditizio delle controparti non è considerata adeguatamente, che la scadenza dei crediti non è considerata un fattore di rischio e che il principio di diversificazione del portafoglio è del tutto trascurato. E proprio da questo muove il nuovo progetto che intende perseguire un sistema di regole prudenziali più efficace e maggiormente in grado di cogliere i rischi dell’attività bancaria (Accordo di Basilea 2). Tale accordo, destinato ad entrare in vigore entro il 2006, prevede notevoli innovazioni con riferimento sia alle tipologie di rischi considerati sia alle relative modalità di misurazione – approccio standardizzato e approccio basato sull’utilizzo di rating interni. Nel nuovo contesto che si va delineando vengono “premiati”, in termini di requisiti più bassi, gli operatori che adottano sistemi gestionali di misurazione e controllo dei rischi più sofisticati. Le autorità di vigilanza, inoltre, non si limitano a semplici operazioni di ispezioni e di richiesta di informazioni, ma verificano anche che le banche siano dotate di processi interni corretti nella misurazione del rischio e nel calcolo del requisito patrimoniale. Viene data particolare enfasi alla trasparenza, ritenuta di

Anteprima della Tesi di Pasquale Ferricelli

Anteprima della tesi: Profili critici della patrimonializzazione degli intermediari assicurativi e creditizi, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pasquale Ferricelli Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2962 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.