Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politiche del lavoro e dimensione locale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 discontinuità – volontaria o involontaria - dell’impiego, per cui da un lato il lavoratore avrà maggiori opportunità di trovare un impiego appagante; dall’altro lato necessiterà non solo della professionalità richiesta, ma anche di competenze trasversali (motivazionali, cognitive e socio-relazionali) che gli permettano di rielaborare i cambiamenti relativi ai contenuti del lavoro e di costruirsi un’identità sociale attraverso ruoli diversi. L’accentuarsi della mobilità comporta, infatti, la necessità di un percorso in cui formazione, esperienza personale e professionale interagiscano per costruire l’identità lavorativa di persone che cambiano ruolo, mansione e talvolta mestiere più volte nell’arco della vita lavorativa. 9 In questo contesto di incertezza e contrasto tra le richieste delle aziende e dei lavoratori è venuto meno il ruolo che il modello fordista aveva di “mediatore sociale” nel mantenimento del rapporto tra singolo e organizzazione, senza che nel periodo post-fordista si siano elaborate risposte efficaci alla problematica della costruzione del rapporto individuo/struttura. 10 Occorre, infine, aggiungere come il modello post-fordista implichi un concetto stesso di lavoro diverso dal Fordismo. La società postmoderna, come quella moderna, si fonda pur sempre sul lavoro - o sui suoi “riti perpetuati nel tempo”, come sostiene Viviane Forrester [Forrester, 1999:17] - ma il lavoro va perdendo la sua connotazione di termine astratto non numerabile, per declinarsi al plurale. Il lavoro di cui si discute oggi è un termine concreto che definisce forme nuove di lavoro, non del tutto 9 Accornero parla di traccia di cittadinanza: un’anagrafe generale del lavoro che comprenda questi aspetti, in modo che le competenze acquisite non si perdano da un’esperienza ad un’altra. 10 In termini di classi, la sociologia politica definiva il Fordismo come “paradigma sociale generale”, fondato sul patto sociale tra classi in funzione della distribuzione della ricchezza. [Salvatore, 1996]

Anteprima della Tesi di Alessia Micaela Fracchia

Anteprima della tesi: Politiche del lavoro e dimensione locale, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alessia Micaela Fracchia Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4537 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.