Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trattati contrari a norme di jus cogens

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 Nonostante il successivo commento del 1966 della ILC affermasse che l’emergere di norme aventi il carattere dello jus cogens fosse comparativamente recente, implicando quindi che si trattasse di un processo corrente di rapido sviluppo del diritto internazionale, molti membri espressero opinione contraria a riguardo: El Erian affermò che il concetto di jus cogens si fosse originato riguardo a crimini universali quali la pirateria ed il commercio degli schiavi, i cui rispettivi divieti erano stati ritenuti a lungo norme imperative; anche Yasseen enfatizzò il carattere imperativo del divieto di pirateria e del commercio degli schiavi. Castrén, mettendo in evidenza il fatto che il principio della libertà delle acque internazionali esistesse da oltre cento anni, escludeva che fosse esatto affermare che lo jus cogens fosse recentemente emerso. Ago pensava che il concetto di jus cogens non fosse interamente nuovo e che anzi fosse conosciuto nel diritto internazionale prima della Grande Guerra: alcune norme di diritto del mare, che vengono ritenute imperative in tempi moderni, erano considerate imperative nel 19° secolo ed anche prima. Rosenne credeva che lo jus cogens esistesse da lungo tempo nel

Anteprima della Tesi di Angelo Palmeri

Anteprima della tesi: Trattati contrari a norme di jus cogens, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Angelo Palmeri Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6158 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.