Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo dei fattori intangibili nella valutazione d'impresa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1. I Principali Metodi di Valutazione d’Impresa 14 sottovalutate dal mercato, al contrario delle growth stock, che sono sopravvalutate: quando il mercato corregge tali errori di valutazione allora il rendimento delle value stock cresce. Un’ulteriore evidenza del fatto che gli investitori utilizzano i metodi di valutazione relativa nelle proprie decisioni d’investimento è fornita da Dechow, Hutton, Muelbroek e Sloan (2001). Gli autori hanno evidenziato che i multipli sono utilizzati per fare previsioni sui rendimenti futuri dei titoli di un’impresa e possono essere considerati un buon punto di partenza per analizzare le strategie di scambio di titoli azionari. In particolare, gli autori hanno studiato le strategie utilizzate nelle vendite allo scoperto (short-selling). Nella vendita allo scoperto un investitore vende un titolo che non di sua proprietà ma è preso in prestito e trae profitto se il titolo è sopravvalutato. Lo short-seller può ottenere un massimo guadagno pari al prezzo di vendita dell’azione, se in seguito il prezzo crolla a zero, oppure può incorrere in una perdita teoricamente illimitata al crescere del prezzo. L’analisi condotta da Dechow, Hutton, Muelbroek e Sloan su un campione di imprese americane evidenzia che gli short seller vendono allo scoperto azioni di imprese con bassi fundamental-to-price ratio, allo scopo di trarre profitto dai più bassi rendimenti, e chiudono le loro posizioni quando i rendimenti previsti vengono realizzati. Infatti, l’analisi evidenzia un costante declino nelle short position al crescere dei rapporti book to market e value to market, ossia gli short-seller scelgono le azioni con bassi multipli. In due soli casi in cui gli short seller scelgono di non vendere allo scoperto azioni di imprese c n bassi multipli: se i costi di transazione per la vendita allo scoperto sono troppo alti, oppure se gli short-seller hanno informazioni che indicano che le azioni non sono al momento sopravvalutate. Questo studio, quindi, dimostra come i multipli vengano largamente utilizzati dagli investitori, nella fattispecie dagli short-sellers, per costruire i propri portafogli di azioni. La scelta dei criteri di valutazione relativa può essere ricondotta principalmente alla semplicità che li caratterizza. Limiti dei metodi di valutazione relativa I metodi di valutazione relativa sono i più semplici tra gli i criteri reddituali che vengono utilizzati in letteratura per la determinazione delle performance d’impresa; tuttavia, essi presentano delle limitazioni.

Anteprima della Tesi di Francesca Piazzini

Anteprima della tesi: Il contributo dei fattori intangibili nella valutazione d'impresa, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesca Piazzini Contatta »

Composta da 298 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3404 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.