Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Controllo di gestione e risk management nelle imprese di trasporto aereo. Il caso Gandalf

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Per quanto riguarda il rilascio delle licenze d’ esercizio 6 , la norma, destinata ad armonizzare il comportamento dei vettori degli Stati aderenti all’ Unione Europea, fissa una serie di parametri in presenza dei quali concedere la licenza per lo svolgimento dell’ attività; tra questi, oltre ai parametri che assicurano il legame dei vettori al territorio europeo (stabilimento delle sedi, partecipazione di maggioranza di uno Stato aderente all’ Unione Europea, controllo sull’ impresa effettuato da enti di Stato aderente all’ Unione Europea), ci sono anche dei requisiti che garantiscono la qualità e la continuità del servizio (conseguimento del Certificato di Operatore Aereo in cui si attesta l’ adeguatezza delle strutture e delle risorse dell’ impresa per lo svolgimento del servizio, parametri di natura finanziaria da rispettare per fornire garanzie sulla possibilità di affrontare le obbligazioni societarie, assicurazioni obbligatorie per risarcimento danni nei confronti dei passeggeri, per bagagli e merci trasportate). Con l’ applicazione di queste norme, il rilascio delle licenze è divenuta un’ operazione più trasparente e non subordinata a valutazioni soggettive dagli organi preposti al rilascio. Se l’ impresa richiedente soddisfa tutte le condizioni indicate, la licenza deve essere rilasciata in un tempo massimo di tre mesi, o rifiutata con provvedimento motivato, impugnabile dinanzi alla Commissione Europea. Per quanto riguarda l’ accesso al mercato, la norma 7 riconosce ai vettori comunitari le otto libertà dell’ aria (vedi Tabella 1.1) e liberalizza tutti i collegamenti tra Paesi aderenti all’ Unione Europea, consentendo a ogni vettore comunitario di collegare due scali qualsiasi all’ interno del loro territorio, anche se posti all’ interno di uno stesso Stato, con delle uniche limitazioni per i collegamenti tra aeroporti regionali. 6 Regolamento CEE n° 2407/92 del 23/07/1992, “Rilascio delle licenze ai vettori aerei” 7 Regolamento CEE n° 2408/92 del 23/07/1992, “Accesso dei vettori aerei della Comunità alle rotte intracomunitarie”

Anteprima della Tesi di Simone Dalledonne

Anteprima della tesi: Controllo di gestione e risk management nelle imprese di trasporto aereo. Il caso Gandalf, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative

Autore: Simone Dalledonne Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5220 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.