Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trasporto del combustibile nucleare: regolamenti, fattibilità e verifica sul caso dell'irraggiato del Garigliano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 2 TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO E AEREO Pag.10 L’attuale normativa ADR/RID non permette di trasportare su strada o ferrovia un collo che non sia conforme alle sue disposizioni, neanche se esso risulta conforme alle disposizioni del Codice IMDG o alle Istruzioni Tecniche dell’ICAO. Questo significa che se un trasporto avviene per via terra e poi per via aerea oppure per via terra e poi per via mare il collo trasportato deve essere conforme sia all’ADR/RID che alle Istruzioni Tecniche dell’ICAO o al Codice IMDG. L’ICAO, nato nel dicembre del 1944 con la Conferenza di Chicago, è un’agenzia specializzata dell’ONU che si pone come compito quello di standardizzare la sicurezza dei voli. I suoi regolamenti sono presentati come allegati tecnici o come annessi alla Convenzione di Chicago e coprono tutti gli aspetti del volo, quali la progettazione degli aeroplani, la manutenzione, l’addestramento del personale navigante e di quello a terra, l’istruzione degli addetti alla manutenzione. Il trasporto in sicurezza di materie pericolose via aerea costituisce l’Annesso 18 della Convenzione di Chicago e raccoglie tra loro in forma organica i diversi regolamenti emanati precedentemente, assorbendo per intero la normativa IAEA in merito. In esso si regolamenta la classificazione dei materiali, l’impacchettamento, la documentazione, l’etichettatura e le modalità di maneggio del carico. L’organizzazione internazionale del trasporto marittimo ha tra gli obiettivi quello di assicurare un elevato standard di sicurezza durante la navigazione sia civile che cargo; in quest’ultimo caso l’IMO ha emesso il Codice IMDG (International Maritime Dangerous Goods). Nel caso specifico del trasporto marittimo di combustibile irraggiato, di plutonio e di rifiuti ad alta attività trasportati in flasks, è stato emanato dall’IMO un apposito codice detto “codice INF” che viene costantemente aggiornato mediante la collaborazione tra l’IMO stessa e la IAEA.

Anteprima della Tesi di Gianrico Lombardi

Anteprima della tesi: Il trasporto del combustibile nucleare: regolamenti, fattibilità e verifica sul caso dell'irraggiato del Garigliano, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Gianrico Lombardi Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 977 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.