Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecnopsicologia e infanzia. Processi di apprendimento e utilizzo delle nuove tecnologie in ambito formativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Gli ultimi decenni del XX secolo, caratterizzati dall’incessante sviluppo delle tecnologie elettroniche della comunicazione, segnano la nascita delle ‘psicotecnologie’ 5 , tecnologie capaci di emulare, estendere, amplificare le funzioni senso motorie, psicologiche o cognitive della mente. L’avvento dell’era delle psicotecnologie è contrassegnato dunque dalla transizione “dal dominio delle tecnologie meccaniche, estensioni sequenziali e specialistiche di singole funzioni umane, al dominio delle tecnologie elettroniche, che non sono più estensioni di singole funzioni, ma del nostro sistema nervoso centrale” 6 . Così come l’invenzione e la diffusione dell’alfabeto e successivamente quella della stampa hanno determinato la ristrutturazione del pensiero, dei processi mentali e il passaggio dall’oralità alla scrittura, lo sviluppo dei nuovi media informatici e la scrittura elettronica sembrano sancire una nuova trasformazione antropologica. Partendo dall’assunto di McLuhan secondo cui il passaggio da un medium all’altro non comporta l’annientamento del medium precedente, ma si attua nel tempo attraverso un processo di inglobamento del contenuto della tecnologia precedente da parte di quella successiva, l’epoca attuale è caratterizzata dall’affiancamento e dalla compenetrazione della scrittura elettronica non sequenziale con quella alfabetica sequenziale. Caratteristiche peculiari della scrittura elettronica sono l’ipertestualità, l’interattività e la connettività. L’ipertesto infatti è una scrittura non sequenziale, composta da una serie di testi associati tra loro attraverso collegamenti o links che consentono all’utente di poter scegliere interattivamente il proprio percorso 5 D. de Kerckhove, Brainframes, Bologna, Baskerville, 1993, p. 22. 6 P. D’Alessandro, Critica della ragione telematica cit., p. 68.

Anteprima della Tesi di Emanuela Santina Zocchi

Anteprima della tesi: Tecnopsicologia e infanzia. Processi di apprendimento e utilizzo delle nuove tecnologie in ambito formativo, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emanuela Santina Zocchi Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6288 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.