Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche urbane integrate e la questione del genere. Il caso di Grenoble

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 Evoluzione e trasformazione del contesto urbano 12 1.1 Analisi della realtà urbana occidentale Volendo dare una definizione primordiale di città, potremmo affermare che essa è “un raggruppamento di popolazione non in grado di auto sostenersi dal punto di vista alimentare” (Ascher, 2001). Con queste parole si vuol far notare che l’esistenza di una città presuppone, sin dalla sua origine, una divisione tecnica, sociale e spaziale della produzione ed implica scambi di varia natura tra i suoi abitanti, operanti in diversi settori. La dinamica urbana è quindi stret- tamente legata a questo potenziale di interazioni, ovvero alla potenza multi- forme di molteplici aggregazioni di persone. La crescita di una città è d’altra parte profondamente correlata alla capacità di conservazione dei beni necessari al sostentamento per un numero crescente di individui ed allo sviluppo dei mezzi di trasporto. Allo stesso modo la veico- lazione delle informazioni è la base della divisione del lavoro e degli scambi, nonché di ciò che riguarda le persone (tecniche di costruzione in altezza, esi- genze di protezione, ecc). Per rispondere alle esigenze mutevoli nel tempo, sono state messe in opera differenti tecniche e politiche riguardanti beni, per- sone ed informazioni che hanno condizionato l’estensione verticale ed oriz- zontale delle città. Esse possono essere infatti pensate come il risultato di dif- ferenti dinamiche che hanno cristallizzato le logiche delle diverse civiltà e so- cietà susseguitesi al loro interno. La concezione antica di città esprimeva quindi per lo più principi religiosi e militari che ne giustificavano, inoltre, la sua esistenza. Nel Medioevo la situa- zione esterna insicura e violenta aveva racchiuso il nucleo urbano entro mura difensive, organizzato le persone per corporazioni e messo in evidenza la soli- darietà e la dipendenza tra le popolazioni cittadine. Queste precisazioni stori- che sono utili per comprendere come, se si vogliono studiare e capire le città moderne, non si possa prescindere dall’analizzarne le logiche retrostanti.

Anteprima della Tesi di Beatrice Garavelli

Anteprima della tesi: Le politiche urbane integrate e la questione del genere. Il caso di Grenoble, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Beatrice Garavelli Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2047 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.