Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuovi percorsi professionali: le carriere senza confini

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 originarie. Per sfruttare pienamente queste nuove opportunità le imprese e i lavoratori devono coltivare network esterni multi-aziendali che forniscono contatti e fonti di informazione; • La collaborazione che permette di andare oltre le competenze dei propri dipendenti e che permette di ottenere quello che in passato si otteneva tramite lo sviluppo di competenze in un’ottica gerarchica; • L’elasticità che è la capacità che permette di superare velocemente le cose datate e di riprendersi in fretta dalle delusioni. A causa dei continui cambiamenti tecnologici e di mercato, le competenze acquisite possono perdere velocemente il proprio valore e quindi le persone devono valutare autonomamente il proprio potenziale di competenze rispetto al mercato e adeguarsi rispetto a trend tecnologici e di mercato. Ellig e Thatchenkery (1996) affrontano lo studio delle carriere senza confini partendo dall’esperienza dell’economia austriaca; tale scuola di pensiero cerca di comprendere l’economia partendo dalle percezioni dell’individuo che sono alla base delle sue intenzioni e dei suoi obiettivi. Per i due autori austriaci, le carriere senza confini sono “soggettivamente definite dalla persona che continuamente scopre nuove opportunità di sviluppo e di utilizzo delle proprie abilità”. I due concetti alla base dello studio di questo fenomeno sono quindi il soggettivismo e la scoperta. Per quanto riguarda il soggettivismo, possiamo affermare che per comprendere le scelte di carriere delle persone, dobbiamo innanzitutto comprendere come le persone percepiscono le varie opportunità che gli si presentano. Ma il soggettivismo si mostra più radicalmente nel fatto che ogni persona definisce autonomamente la propria carriera e nel fatto che la carriera sia uno degli strumenti mentali che la persona utilizza per organizzare e dare senso ad una sequenza di esperienze di lavoro. In poche parole, il senso soggettivo ha occupato il posto delle strutture formali nel definire le carriere. L

Anteprima della Tesi di Stefania Lusona

Anteprima della tesi: Nuovi percorsi professionali: le carriere senza confini, Pagina 11

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Stefania Lusona Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1587 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.