Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fusione nella riforma del diritto societario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Per quanto riguarda, invece, gli altri principi enunciati dalla legge-delega, si è provveduto a introdurre: - La disciplina dei criteri di formazione del primo bilancio successivo alla fusione. - La regolamentazione della fusione a seguito di acquisizione con indebitamento (merger leveraged buyout). - La definizione della qualificazione degli esperti incaricati della relazione sulla congruità del rapporto di cambio. - La disciplina delle possibilità, delle condizioni e dei limiti delle fusioni eterogenee. La legge delega 15 attribuisce al Governo la facoltà di emanare disposizioni correttive e integrative, entro un anno dalla data di entrata in vigore di ciascuno dei decreti legislativi. In alternativa alla soluzione prevista nella bozza del 29 settembre, che prevedeva una entrata in vigore immediata, questa è stata differita al 1 gennaio 2004, con un rinvio al 30 settembre (e al 31 dicembre per le sole società cooperative) del termine entro il quale adeguare gli statuti delle società esistenti. Un nuovo diritto societario impone infatti, alle imprese, tempi lunghi e costi elevati per gli adeguamenti delle strutture interne e per tutti i necessari adempimenti. Per le società che si costituiranno nel corso del 2003 e per quelle che per qualsiasi motivo debbano comunque effettuare un’assemblea straordinaria durante quest’anno, è già possibile redigere uno statuto che segua le nuove regole e che entrerà in vigore il 1 gennaio 2004. In questo modo si potrà evitare di dover effettuare un’ulteriore assemblea straordinaria. Sono già operative dal 2003, invece, alcune disposizioni concernenti l’impugnazione delle delibere assembleari. Per concludere, è necessario ricordare che la riforma ha consentito la risoluzione di alcuni dei principali problemi sorti sotto il vigore della vecchia disciplina, ma ne ha anche creati dei nuovi che potranno essere compresi e chiariti in tutti i loro aspetti, solo dopo che su questi argomenti si sarà formata una compiuta interpretazione dottrinaria nonché una giurisprudenza consolidata. Come ammoniscono i suoi intelligenti redattori, ci vorrà del tempo prima che la gente scopra e sviluppi le potenzialità racchiuse nella 15 Nell’articolo uno comma cinque.

Anteprima della Tesi di Monica Sari

Anteprima della tesi: La fusione nella riforma del diritto societario, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Monica Sari Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9795 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 49 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.