Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fusione nella riforma del diritto societario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Capitolo 1 INQUADRAMENTO GENERALE DELL’OPERAZIONE DI FUSIONE 1. CENNI STORICI La disciplina della fusione, così come la conosciamo noi oggi, è frutto in realtà di un lungo e complesso iter storico e legislativo, che ha richiesto l’impegno e la disponibilità di numerosi esponenti del mondo giuridico e non. Per fare solo un breve accenno alle origini lontane dell’istituto, dobbiamo risalire all’ormai abrogato codice del commercio del 1882, in cui la fusione era disciplinata dai pochi e scarni articoli che andavano dal 193 al 196. Con la codificazione del 1942, si è attuata l’unificazione legislativa della materia commerciale e civile e già alcune modifiche sono state apportate alla previgente disciplina. Quest’ultime, sono poi continuate negli anni, per rendere le regole sempre più aderenti ai mutamenti in corso nella pratica e in epoca più recente, anche per uniformare le discipline dei diversi stati membri dell’Unione Europea. Di particolare rilievo in questo senso, sono state la terza e della sesta direttiva Cee 1 in materia di fusioni e scissioni societarie, cui è stata data attuazione prima per mezzo della legge- delega 26 marzo 1990 n. 69 e poi attraverso l’emanazione del d.lgs. 16 gennaio 1991 n.22 2 . Quest’ultimo, oltre ad introdurre la figura della scissione, ha modificato la vecchia disciplina codicistica della fusione e in particolare le norme sul procedimento, fino ad allora risultate carenti e inadeguate a rendere l’operazione sufficientemente trasparente nei confronti delle minoranze e dei creditori. Si è trattato di una novella del codice civile, poiché nell’alternativa tra il formulare una legge speciale e l’inserire nuove disposizioni nel testo del medesimo, si è scelta la seconda strada, considerando che le regole in oggetto, costituiscono parte integrante della disciplina delle società, 1 Rispettivamente del 9 ottobre 1978, n.855 e del 17 dicembre 1982, n.891. 2 Elaborato dalla commissione ministeriale presieduta dal prof. F. D’Alessandro.

Anteprima della Tesi di Monica Sari

Anteprima della tesi: La fusione nella riforma del diritto societario, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Monica Sari Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9796 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 49 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.