Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione della didattica dell'ateneo Modenese. Un approccio fuzzy

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 7 Gli articoli successivi del decreto precisano che: − L’attività dell’Osservatorio è definita da un programma annuale predisposto entro il 30 ottobre di ciascun anno ed approvato dal Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica; − L’Osservatorio presenta annualmente al Ministro ed alla competenti commissioni parlamentari una relazione sull’attività svolta; − Le università e gli Istituti universitari collaborano con l’Osservatorio fornendo allo stesso tutti i dati e le informazioni autonomamente richiesti. − Le valutazioni e le verifiche previste dall’art.1 sono condotte sulla base di procedure e di standard quantitativi definiti dall’Osservatorio che al riguardo acquisisce pareri e proposte dalla Conferenza permanente dei rettori e del Consiglio universitario nazionale. − L’Osservatorio si compone di 5 membri, esperti dotati di comprovata qualificazione professionale, nominati con decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica, di cui uno su terna designata dalla Conferenza permanente dei rettori, uno su terna designata dal Consiglio Universitario Nazionale e tre scelti dal Ministro stesso di cui due esterni al mondo accademico; − I componenti dell’Osservatorio, che non possono ricoprire l’incarico di Rettore di Università o di Direttore di Istituti universitari o di membro del Consiglio Universitario Nazionale, restano in carica tre anni e possono essere riconfermati una sola volta. In considerazione del fatto che successive norme legislative, regolamenti e decreti hanno attribuito all’Osservatorio ulteriori compiti rispetto a quelli originari, è divenuta necessaria una loro ridefinizione attuata grazie al D.M. 5 maggio 1999 che ha sostituito il precedente D.M. 22 febbraio 1996. Il nuovo decreto stabilisce che la finalità dell’Osservatorio è quella di valutare i risultati relativi all’efficienza, all’efficacia ed alla qualità delle attività di ricerca e di formazione e di verificare i programmi di sviluppo e di riequilibrio del sistema universitario. I compiti assegnati all’Osservatorio secondo quanto prescritto dal decreto 5/5/99 sono qui riportati in dettaglio:

Anteprima della Tesi di Antonello Briglia

Anteprima della tesi: La valutazione della didattica dell'ateneo Modenese. Un approccio fuzzy, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonello Briglia Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2725 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.