Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione strutturale e legislativa del comparto vitivinicolo nazionale: il caso dei vini Doc della Maremma grossetana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 raggiungere i 4.303.000 HA (+0.5% rispetto al ’97). Il vigneto sta’ quindi crescendo notevolmente soprattutto negli Stati Uniti e nell’emisfero meridionale del pianeta ovvero Oceania, Asia, Sudafrica, Cile ed Argentina anche se nel mondo la superficie vitata si è ridotta da 10 a 7.7 milioni di HA mentre la produzione ed il consumo sono scesi rispettivamente da 300 a 250 e da 260 a 220 milioni di HL. Sembra evidente perciò che la superficie vitata esistente oggi in Italia, nell’UE, e nel mondo continui da decenni ad essere sovrabbondante, nonostante la sua progressiva riduzione 2 . Evoluzione della superficie mondiale di vigneto(migliaia di HA). Continente Nazione 1986 1996 ∆% 96/86 %Quota 383 333 -13%AFRICA Sudafrica 105 106 +0.1% 4.3% 856 784 -8% Usa 319 311 -2.5% Argentina 259 211 -18.5% AMERICA Cile 115 116 +0.9% 10.1% 1400 1327 -5.2% Turchia 630 567 -10% Iran 250 252 +0.8% ASIA Cina 129 165 +28% 17.1% OCEANIA Australia e Nuova Zelanda 64 89 +39% 1.2% 6024 5209 -13.5% Ue 4286 3613 -15.7% Peco 589 536 -9% Ex-JUGOSLAVIA 227 193 -15% EUROPA EX-URSS 903 845 -6% 67.3% MONDO 8715 7742 -11.2% 100 Fonte: O.I.V. (1998). 1.1.1 - Viticolture a confronto. Tre tipi di viticoltura sono presenti oggi nei cinque continenti; la viticoltura dirigistica dell’UE, quella pianificata dei paesi dell’EST europeo (ormai superata) e la viticoltura liberale dei Paesi del Nuovo Mondo. Le viticolture pianificate e dirigistiche sono in forte riduzione per ragioni economiche e sociali; sono di difficile adattamento ai mercati, costose e molto variabili in termini di qualità infatti adottano un numero elevato di denominazioni di origine (300in Italia, 400 2 Terra e vita n° 16 (1999) pag.12 .

Anteprima della Tesi di Stefano Brinzaglia

Anteprima della tesi: Evoluzione strutturale e legislativa del comparto vitivinicolo nazionale: il caso dei vini Doc della Maremma grossetana, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze economiche e bancarie di Siena

Autore: Stefano Brinzaglia Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1925 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.