Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La psicoterapia ipnotica: Milton H. Erickson e i neo-ericksoniani

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Un esempio può essere quello che riguarda l’estrazione dell’oggetto malattia: come ci spiega Ellenberger, secondo questa teoria la malattia è causata dalla presenza, all’interno del corpo del sofferente, di una sostanza esterna dannosa. Lo stregone ha una forma specifica di trattamento, che consiste nel succhiare via l’oggetto malattia usando la propria bocca o, in rari casi, ricorrendo ad un massaggio. È piuttosto evidente come durante la cerimonia, l’oggetto sia fatto comparire dal guaritore mediante un abile gioco di prestigio, una “ciarlataneria” insomma. Eppure tali cure spesso avevano successo, e questo grazie al potere suggestivo del rituale e alla fede del paziente nelle capacità dello stregone. 2 Avendo parlato di “fede”, un secondo esempio nasce spontaneamente: quello della possessione e dell’esorcismo che, oltre ad avere esordito come una delle tecniche primitive, ha permeato anche la storia dell’Europa per vari secoli in epoca più recente. Il male in questo caso è causato da spiriti maligni che sono penetrati nel corpo del paziente e che se ne sono impossessati e, essendo una forma di malattia complessa, tre possono essere i metodi di guarigione utilizzati per combatterla. Il primo consiste nel tentativo di espellere lo spirito meccanicamente, battendo il paziente o provocandogli perdite di sangue. Il secondo vuole invece che si trasferisca lo spirito nel corpo di un altro essere, in genere un animale. Il metodo più importante è però il terzo, l’”esorcismo” vero e proprio, vale a dire l’espulsione dello spirito tramite un cerimoniale per mezzo di incantesimi o altri mezzi psichici; la figura dell’esorcista è fondamentale, egli deve avere caratteristiche precise e soprattutto deve essere molto preparato, perché lotta con lo spirito intruso è lunga e difficoltosa. L’esorcismo è stato una pratica molto comune nel Medio Oriente e in Europa, e, come ricorda Ellenberger, nel corso degli ultimi due millenni la storia del mondo occidentale riporta numerosissimi casi di possessione, individuale o collettiva, e di conseguenza riporta numerosissimi casi di esorcismo che provano la vittoria della Chiesa sulle “potenze demoniache”: è un dato di fatto che, per guarigione spontanea o per effetto della suggestione, tantissime persone si ristabilirono effettivamente. Utilissimo sarebbe in questi casi tenere in considerazione gli ambienti in cui si trovavano pazienti e guaritori, e fondamentale è il retroterra sociale e culturale in cui sono avvenuti questi riti. Il potere suggestivo anche in quest’esempio è dunque evidentissimo. Non deve quindi stupire il fatto che i casi di possessione demoniaca siano stati sempre più rari dall’epoca dell’Illuminismo in poi, considerando che questa corrente di pensiero dissipò la credenza nel diavolo attenuandola anche negli ambienti religiosi, e che le ultime manifestazioni di possessione e di esorcismo 2 ELLENBERGER H.F., La scoperta dell’inconscio, vol. I, Bollati Boringhieri, Torino, 1972, pp. 1-56

Anteprima della Tesi di Francesca Manzotti

Anteprima della tesi: La psicoterapia ipnotica: Milton H. Erickson e i neo-ericksoniani, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Francesca Manzotti Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6490 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.