Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'armoriale Archinto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 a ciò che il primo volume sia stato prodotto nel corso del pontificato dell’anzidetto Pio IV (1559-1566) e il secondo fra 1605 e 1621. Questo metodo permette, anche secondo lo studioso francese Michel Pastoureau se non una datazione certa almeno <> 7 . Le considerazioni dello Zucchi, poiché si tratta, a quanto pare, delle sole presenti 8 , almeno per il XX secolo 9 , vanno sicuramente chiarite [sebbene da egli, quale archivista evidentemente non specializzato in ambito araldico, non si poteva pretendere la precisione e accuratezza di uno studio quale quello qui condotto. La finalità del suo lavoro era infatti semplicemente di elencare le raccolte di stemmi e non certo di studiarne le specificità, al massimo di tratteggiarle e certo non esaustivamente.] Circa i due volumi egli afferma: <>. Ora, in effetti è palese che siano elaborazioni di autori differenti ma una analisi più approfondita, se fosse stata compiuta, avrebbe portato alla luce come siano almeno due gli autori del volume secondo, e particolarmente ciò si nota in quelle armi che sono 7 M. Pastoureau, Traità d’heraldique, Paris, 1997, p. 222 sgg. Critica invece il metodo proposto dal de Vaivre, consistente nel tentare di datare ogni arma presente negli armoriali, in quanto a suo avviso complesso e non sempre fattibile. Nell’araldica anglosassone si predilige datare le armi dei personaggi più illustri, il che, appunto, è ciò che fece a suo tempo lo Zucchi e che mi pare corretto condividere. 8 Bascapè e Dal Piazzo, pur abbondanti di fonti bibliografiche, in relazione all’Archinto non citano che tale studioso ed io stesso nella Biblioteca Reale non ho rinvenuto studi su di esso né altre sommarie descrizioni. 9 Lo Zucchi asserisce che F. Argelati e G. Mazzuchelli rispettivaemnte in Biblioteca Scriptorum mediolanensium e in Scrittori d’Italia, citano fra le opere di Ottaviano Archinto anche un Insignia familiarum mediolani.

Anteprima della Tesi di Luca Giambonino

Anteprima della tesi: L'armoriale Archinto, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Giambonino Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1908 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.