Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''...irrimediabile era il male del mondo, e con ciò il mio male...'': storia, Storia e prima poesia (1930-1961) di Amelia Rosselli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 stranieri da lei prediletti, i circoli intellettuali da lei frequentati, le cronache repubblicane e quelle interne ai partiti, la psicanalisi e la neuropsichiatria... Ogni acquisizione aggiuntiva avvicina d’un passo al significato dell’opera e della presenza della nostra, sempre comunque sfuggenti ed ineffabili. Lo stato dell’arte degli studi rosselliani 4 non ha offerto molto sussidio. L’attenzione della critica si è destata in due momenti: dopo la pubblicazione di Documento nel ‘76, opera abbastanza chiara e con allettanti riferimenti al ’68; e, ovviamente, durante e dopo il ’96, anno del suicidio della nostra. In assenza di monografie 5 , il numero di interventi è assai alto ma la maggioranza d’essi ha un respiro editoriale troppo breve per addentrarsi nello specifico; inoltre, l’attenzione generale si applica prevalentemente all’analisi dei mezzi espressivi, offrendo ottimi studi che però, tranne qualche eccezione, non varcano la densità semantica del testo. Al contrario, spesso dietro il significante si disconosce la realtà del significato, a favore di una concezione ludico-formalistica della scrittura. Per tutto ciò, in particolare nella parte dedicata all’esegesi dei testi, in mancanza di riscontri, abbonderanno formule ipotetiche ed attenuative, che ho ritenuto indispensabili per non dimenticare il carattere arbitrario e provvisorio d’ogni lettura... e per esimermi dal peccato di presunzione. Silvia 6 4 La Bibliografia rosselliana è stata aggiornata alla fine del 2002 da F. CARBOGNIN, in «Trasparenze», op. cit., pp. 361-381; il medesimo autore dichiara la lacunosità della rassegna. 5 Finora ne esiste una sola, americana: A. SNODGRASS, Knowing Noise. The English poetry of A.R., (New York & Berlin, Peter Lang, 2001) relativa alle connessioni tra musica atonale e poesia inglese della nostra. 6 Una precisazione tengo vivamente ad aggiungere: la desinenza in –a del mio nome e di quello di Amelia è puramente casuale; non sono femminista, né specificatamente interessata alla scrittura femminile in sé, come non lo era, fortunatamente, la Rosselli. Credo che l’assoluta originalità della sua poesia dipenda anche dal fatto di non averla considerata femminista a priori. Lei stessa dichiarò: «potrei benissimo portare i mili libri in italiano senza firma e nessuno si accorgerebbe che è una donna che scrive, o pochissimi, ci vuole un’astuzia diabolica per notarlo» (A. R., intervista di G. CARAMORE, Paesaggio con figure, programma RAI Radio 2, 1992, ora in «Galleria», a cura di D. ATTANASIO-E. TANDELLO, a. 48, n. 1 / 2 (gennaio–agosto), Caltanisseta, S. Sciascia, 1997, pp. 201-2). In realtà, i suoi versi tracimano di femminilità e di accenni all’effettiva problematica storico-sociale della donna, che si chiariscono alla luce della firma anche per chi non è dotato di un’astuzia diabolica.

Anteprima della Tesi di Silvia De March

Anteprima della tesi: ''...irrimediabile era il male del mondo, e con ciò il mio male...'': storia, Storia e prima poesia (1930-1961) di Amelia Rosselli, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Silvia De March Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3756 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.