Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Criminalità ed economia: la mafia in America

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La Mafia durante il “proibizionismo” 18 Ciò che disse Wayne Wheeler rispecchia pienamente l’opinione comune relativa al consumo di alcolici; “L’alcool costituisce una minaccia per il patriottismo in quanto antepone la birra alla nazione”. 10 In quest’ atmosfera furono numerosi gli sforzi legislativi orientati al proibizionismo. L’8 Agosto 1890 il Governo approvò il Wilson Original Packages Act, che prevedeva che tutte le bevande “intossicanti” importate fossero assoggettate alla legge dello Stato in cui venivano consumate. Il Webb Kenyon Act entrato in vigore il 1 Marzo 1913, aveva l’intenzione di rafforzare il dettame della precedente legge stabilendo che costituiva reato federale importare prodotti alcolici con l’intento di rivenderli contravvenendo alla leggi dello Stato. Il Reed Amendment, approvato quattro anni dopo, istituiva una multa di 1.000 dollari per l’importazione illegale di liquori. In ogni caso, nessuna delle precedenti disposizioni ebbe l’effetto desiderato fino a quando nel 1913 l’Anti 10 1913-1933: National Prohibiton prologue and fininish (www.druglibrary.org/shaffer/library)

Anteprima della Tesi di Lucio Tommaselli

Anteprima della tesi: Criminalità ed economia: la mafia in America, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lucio Tommaselli Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13838 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.