Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La configurazione di prodotto in ambiente Sap R/3: il caso Caprari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 Cap.1 Presentazione dell’azienda Caprari logistici, soprattutto in ingresso ed in uscita. I materiali (motori, particolari finiti, particolari commerciali, barre, fusioni, stampati e carpenteria) arrivano al reparto di accettazione, dove vengono eseguite prove di affidabilità e controlli dimensionali. Successivamente tali materiali sono caricati sulle linee automatiche di lavorazione; recentemente ne è stata introdotta una nuova. È previsto un magazzino intermedio per lo stoccaggio dei semilavorati e dei preassemblati. Le successive linee di assemblaggio di parti elettriche e meccaniche sono manuali e divise per tipologie di prodotto. Prima del magazzino prodotti finiti i prodotti vengono verniciati nelle stazioni apposite. Al termine della verniciatura il prodotto viene posto nell’essiccatoio per passare poi al collaudo funzionale, se il cliente lo richiede. Vengono eseguiti inoltre controlli a campione secondo quanto sancito dalle Norme sulla qualità ed affidabilità dei prodotti. Prima della spedizione la pompa viene imballata in casse di legno; può essere montata o meno, a seconda delle richieste del cliente. I magazzini delle materie prime, dei semilavorati e dei prodotti finiti sono tutti scaffali a ripiani a semplice profondità alimentati da carrelli elevatori bilaterali. Attualmente la Caprari si sta espandendo con un nuovo stabilimento per lo stoccaggio dei prodotti finiti e per gli uffici addetti alla logistica in ingresso ed in uscita. Un ulteriore progetto riguarda la realizzazione di un magazzino completamente automatizzato alimentato da trasloelevatori. La politica di produzione dell’azienda non è unica, ma varia a seconda del tipo di prodotto. Per la quasi totalità dei prodotti standard la produzione è di tipo make to stock, quindi si produce per il magazzino; mentre per alcuni prodotti standard e per i derivati e per gli speciali la produzione è di tipo make to order, cioè solamente su commessa. I prodotti standard che seguono la politica di make to stock vengono stoccati nel magazzino di divisione dell’azienda Caprari e nei depositi italiani ed esteri, dislocati in corrispondenza dei distributori e delle filiali. I prodotti derivati sono stoccati in un particolare magazzino con l’indicazione del cliente al quale si riferiscono. Fanno eccezione alcuni prodotti derivati, che sono venduti solamente se disponibili in pronta consegna, perciò devono essere stoccati a magazzino e nei depositi esterni.

Anteprima della Tesi di Manuela Rappini

Anteprima della tesi: La configurazione di prodotto in ambiente Sap R/3: il caso Caprari, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Manuela Rappini Contatta »

Composta da 216 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4012 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.