Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli teorici per il risk management

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 4. per ogni nodo si calcola uno slittamento dato dalla differenza tra tempi al più tardi e al più presto: i nodi per i quali questo slittamento è nullo compongono il cammino critico. Si calcolano poi gli slittamenti relativi alle attività che collegano gli eventi: • si assume come slittamento totale (total slack) la differenza tra data di fine al più tardi e al più presto, la prima coincide con il tempo al più tardi dell’evento che segue, la seconda con il tempo al più presto dell’evento che la precede a cui viene aggiunta la durata dell’attività stessa 3 ; • si definisce slittamento libero (free slack) la differenza tra tempo al più presto dell’evento che segue e data di fine al più presto dell’attività, ed ovviamente non può eccedere lo slittamento totale; • si definisce slittamento concatenato la differenza tra slittamento totale e slittamento libero. Il valore degli slittamenti così calcolati permette al pianificatore di considerare una diversa allocazione di risorse assegnate ad ogni attività, sfruttando la possibilità di rallentare le attività non critiche a favore di quelle che incidono sulla durata complessiva prevista del progetto, abbassandola di conseguenza. In particolare sfruttando lo slittamento libero di un’attività non si influenza lo slittamento permesso alle altre. Il metodo CPM permette un ulteriore sviluppo: ad ogni attività vengono associate due durate, una normale ed una accelerata, e due costi diretti (normale ed accelerato) legati al tempo di esecuzione delle attività: i costi sono assunti decrescenti al crescere del tempo di esecuzione. A questi vengono poi sommati i costi indiretti, assunti direttamente proporzionali al tempo di 3 Wiest J.D., Levy F.K., A management guide to PERT/CPM, p. 35

Anteprima della Tesi di Enrico Ghia

Anteprima della tesi: Modelli teorici per il risk management, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Enrico Ghia Contatta »

Composta da 233 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4316 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.