Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli teorici per il risk management

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

21 1.4 Limiti e risultati ottenuti con CPM e PERT I metodi reticolari CPM e PERT sono soggetti ad importanti limitazioni, diretta conseguenza delle ipotesi alla base della loro realizzazione 7 : 1. il progetto è perfettamente scomponibile in attività indipendenti, sia sotto il profilo operativo, sia sotto quello temporale: quindi esse sono perfettamente note a priori e tutte necessarie e sufficienti alla realizzazione del progetto. Ciò fa sì che il reticolo sia uno strumento statico, di scarso supporto di fronte a necessità impreviste. Inoltre non sempre è verificabile l’effettiva indipendenza operativa delle varie attività, essendo spesso sottoposte a vincoli comuni di risorse. 2. Le relazioni di precedenza possono essere rappresentate senza far ricorso a cicli, con successioni di tipo finish to start, che prevedono il perfetto completamento delle attività antecedenti prima che abbiano inizio quelle che le seguono. 3. Le durate possono essere stimate a priori e sono indipendenti le une dalle altre: questa premessa è alla base di tutti i calcoli eseguiti per determinare cammino critico e slittamenti. Questa assunzione è sicuramente molto forte, soprattutto tenendo conto della disponibilità limitata di risorse comuni che spesso caratterizza i progetti. Un’attenta schedulazione, realizzata a seguito di successive iterazioni del reticolo, può però limitare la dipendenza delle durate delle attività. 7 Wiest J.D., Levy F.K., A management guide to PERT/CPM, p. 166-173

Anteprima della Tesi di Enrico Ghia

Anteprima della tesi: Modelli teorici per il risk management, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Enrico Ghia Contatta »

Composta da 233 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4313 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.