Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Procedure di programmazione della produzione di reparti produttivi di un team di Formula 1

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1. Programmazione della produzione 14 1.4. MRP II Con successivi miglioramenti nei tre livelli del sistema MPC (Figura 1.1), gli utenti hanno cominciato a considerarlo un sistema aziendale invece di un sistema relegato alla produzione. Infatti, è oggi possibile includervi piani finanziari e di marketing dettagliati e la possibilità di simulazioni su migliaia di codici materiali diversi (grazie anche all’utilizzo della tecnologia dei computer a costi ridotti). Questa visione “totale” di sistema di pianificazione e controllo va oltre il concetto originario di MRP: per rendere chiara l’evoluzione, è stato coniato il termine MRP II. L’acronimo MRP ora non sta più per Material Requirement Planning, ma per Manufacturing Resource Planning, ossia pianificazione delle risorse produttive. Il proposito del MRP II è di integrare, nel processo di pianificazione, le funzioni principali dell’azienda con altre funzioni quali amministrazione, personale, ricerca e sviluppo in modo da far conoscere e condividere il progetto comune dell’azienda e motivare il personale. Marketing e finanza sono le due più importanti aree influenzate ed hanno un notevole impatto sul piano industriale. Infatti, in troppi casi vari settori quali produzione, marketing e finanza operano senza avere una completa conoscenza di quello che altre aree dell’azienda stanno facendo: per essere più efficienti è necessario che tutti i settori dell’azienda siano focalizzati sugli stessi obiettivi. In aggiunta alle risorse manifatturiere, devono, infatti, essere definiti in termini quantitativi e temporali i mezzi finanziari che occorrono e le risorse del marketing. In base alla disponibilità dei diversi mezzi necessari, la pianificazione iniziale deve essere rivista prima che si possa definire in modo più rigoroso la programmazione della produzione. A questo punto entra in gioco il MRP, introducendo richieste più specifiche al sistema che possono richiedere ulteriori aggiustamenti del piano definito.

Anteprima della Tesi di Fabio Francalanci

Anteprima della tesi: Procedure di programmazione della produzione di reparti produttivi di un team di Formula 1, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Fabio Francalanci Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6760 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.