Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi localizzativa di una base logistica a servizio del porto di Genova

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

21 come nel caso di Benetton o Nike 12 ), e di lasciare a soggetti maggiormente competenti la gestione della logistica. Quest’ultima, come abbiamo visto, ha assunto un’importanza crescente per le aziende perché consente di razionalizzare ed ottimizzare le fasi di produzione e trasferimento dei beni. Il maggior valore è generato da un servizio efficiente e di qualità, rapido certo. 1.2.3. Le strategie di delocalizzazione (accenni) Le imprese produttrici hanno attuato una delocalizzazione delle proprie attività su scala globale, in modo da ottenere notevoli vantaggi di costo: il fatto di avere centri di produzione, almeno per le fasi iniziali del ciclo di lavorazione, nei Paesi da cui si importano le materie prime (o comunque Paesi in via di sviluppo), fa sì che si possa sfruttare la manodopera locale, che oltre a costare poco comporta molti meno vincoli in materia previdenziale, sanitaria, fiscale… Il fatto che questo tipo di forza lavoro sia tendenzialmente despecializzata non costituisce un grosso problema nelle prime fasi di lavorazione; altre fasi del ciclo produttivo vengono invece eseguite in altri luoghi, in cui per esempio è necessario che la forza lavoro abbia maggiori competenze, pur comportando oneri superiori; le fase di progettazione e di marketing del prodotto vengono invece realizzate in altri luoghi ancora, e così via. 12 Queste due aziende hanno infatti deciso di concentrarsi sulla progettazione e sul marketing , demandando a terzi la realizzazione fisica del prodotto. Nike ha inoltre deciso di non occuparsi neanche della progettazione degli articoli che non siano scarpe (cioè l’attività – core), selezionando un numero limitato di fornitori che realizzano il vestiario che poi sarà commercializzato col marchio Nike.

Anteprima della Tesi di Davide Passarelli

Anteprima della tesi: Analisi localizzativa di una base logistica a servizio del porto di Genova, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Davide Passarelli Contatta »

Composta da 314 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2365 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.