Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Finanza comportamentale ed efficienza dei mercati finanziari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

IV Teorie psicologiche La finanza comportamentale sostiene che gli investitori non siano pienamente razionali. Nel valutare le opportunità di investimento presenti sul mercato, essi si basano su processi euristici che danno luogo a errori che si ripetono nel tempo. Inoltre le convinzioni delle persone dipendono fortemente dal contesto in cui sono prese. Per esempio, una tendenza diffusa tra i lavoratori statunitensi (Benartzi e Thaler, 2001) è di scegliere di dividere il loro budget pensionistico in parti eguali tra i vari tipi di fondi a loro disposizione. E’ facile comprendere come questa decisione abbia conseguenze diverse a seconda del contesto: non sarebbe la stessa cosa dividere la somma a disposizione tra un fondo azionario e un fondo obbligazionario, tra un fondo azionario e uno bilanciato, oppure tra un fondo obbligazionario e uno bilanciato. Le asset allocation risultanti sarebbero estremamente differenti. Secondo la finanza comportamentale, l’irrazionalità degli investitori ha un’importante influenza sul mercato: essa crea un rischio non considerato dalle teorie tradizionali (il noise trader risk) e rende possibile un allontanamento duraturo dei prezzi dai fondamentali. Tale irrazionalità è stata oggetto di numerosi studi, soprattutto ad opera di Daniel Kahneman (premio Nobel nel 2002), che hanno consentito di descrivere alcune caratteristiche ed errori ricorrenti nel modo di formare le convinzioni degli investitori. Essi saranno analizzati in dettaglio nel capitolo 5; qui ne sono citati alcuni: ξ Overconfidence: a causa di un’eccessiva fiducia nelle proprie capacità le persone sono imprecise nell’effettuare stime; ξ Representativeness: gli individui giudicano un fenomeno in base a quanto assomiglia a una certa classe di riferimento. Questa euristica può dar luogo a gravi imprecisioni; ξ Conservatism: gli individui tendono a reagire troppo poco alle notizie che giungono sul mercato;

Anteprima della Tesi di Paolo Consolini

Anteprima della tesi: Finanza comportamentale ed efficienza dei mercati finanziari, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Consolini Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14202 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.