Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La privatizzazione nei settori di pubblica utilità. Analisi economica e il caso Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

23 attribuito ai processi di privatizzazione sulla base dei fondamenti teorici e la casistica che deriva dalle esperienze di privatizzazioni vissute nelle economie occidentali e socialiste in anni recenti si menzionano l’allentamento della pressione sulle pubbliche finanze, il miglioramento dell’efficienza nelle imprese privatizzate, l’accrescimento della competizione, lo sviluppo del mercato di borsa e una maggiore responsabilità. A queste principali finalità se ne aggiungono altre di volta in volta motivate da situazioni di contesto in grado comunque di influenzare in modo determinante gli orientamenti del policy maker, tra le quali è opportuno sottolineare la creazione di contesti industriali più idonei a programmi di internazionalizzazione, il rafforzamento di mercati azionari la cui instabilità dipenda in larga parte dalla ristrettezza dell’offerta, la riduzione del potere sindacale nelle imprese pubbliche. 1.3.1 OBIETTIVI DI FINANZA PUBBLICA Nei processi di privatizzazione delle economie occidentali, anche quando si sono fondati su solidi convincimenti di tipo ideologico, è stato riscontrato un movente finanziario. É possibile affermare come tanto la privatizzazione sostanziale, quanto quelle parziali e formali, siano funzionali al raggiungimento di obiettivi di politica finanziaria. In primo luogo si è sottolineato l’utilizzo della privatizzazione come strumento per la copertura del deficit pubblico o la riduzione dell’indebitamento dello Stato, attraverso i proventi derivanti dalle cessioni. 5 Questa finalità attribuita ai processi di privatizzazione è presente nella quasi totalità dei casi. Richiesta dal trattato di Maastricht che fissava dei punti di convergenza per tutti i paesi partecipanti all’UE: 3% del rapporto deficit/PIL e 60% del rapporto debito/PIL. Tra i principali obiettivi della denazionalizzazione del Regno Unito Veljanovsky include, al secondo posto per ordine di importanza, l’aumento delle entrate; il Piano “Balladur” del 1993 è sembrato prevalentemente spinto della necessità di significativi apporti alla finanza di Stato; le privatizzazioni parziali effettuate dal governo spagnolo negli anni ’90 furono prevalentemente orientate da motivazioni connesse al raggiungimento di obiettivi macroeconomici congiunturali nei termini della riduzione dei fabbisogni finanziari del settore pubblico; la manovra di 5 Si veda D. Bos, Privatisation, pag 15

Anteprima della Tesi di Gianni Carbone

Anteprima della tesi: La privatizzazione nei settori di pubblica utilità. Analisi economica e il caso Italia, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianni Carbone Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4012 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.