Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La privatizzazione nei settori di pubblica utilità. Analisi economica e il caso Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Una volta che la minoranza ha perso il suo potere, la soluzione migliore sarebbe quella di eliminare la formula di compensazione. L’introduzione di un nuovo sistema di diritti d proprietà richiede tempo perché necessita di nuove istituzioni (intese come regole, norme, costumi, ruoli e modi di agire –Grossman 1967 e Hodgson 1988 ) e organizzazioni. I diritti di proprietà hanno un rilievo importante sui risultati raggiunti dall’economia poiché influenzano l’allocazione delle risorse, le motivazioni, gli incentivi e quindi l’efficienza. Infatti, chi ha i diritti di proprietà può determinare l’allocazione delle risorse e spingere per un’allocazione che accresce la remunerazione residua che spetta loro. È essenziale distinguere tra una visione microeconomica, personificata essenzialmente dalle imprese, da una visione sociale rappresentata dal governo. L’impresa è interessata all’efficienza microeconomica mentre il governo all’efficienza sociale. Ci sono due fattori che oscurano la chiarezza dei diritti di proprietà e di conseguenza delle privatizzazioni: il problema dell’agenzia e l’esistenza di diritti di proprietà illegittimi. Nelle moderne economie, i diritti di proprietà relativi ad una particolare attività sono distribuiti tra un certo numero di individui. Il caso più rimarcabile è quello in cui la proprietà in senso stretto è separata dalla proprietà. Gli interessi degli agenti non coincidono con quelli del principale. Di conseguenza, i primi tendono a prendere decisioni che i secondi considerano subottimali. Il controllo degli agenti è costoso e non preciso. Comunque, la distribuzione delle informazioni riguardanti i compiti assegnati agli agenti e le loro performance è distribuita asimmetricamente contro il principale. Questo causa un problema di comportamenti opportunistici da parte degli agenti. L’analisi è basata sulla scelta tra pubblico e privato alla luce dell’asimmetria informativa e agli schemi incentivanti che possono consentire un miglioramento nell’efficienza allocativa e produttiva di uno dei due modi di proprietà. Con contratti perfetti ed uno schema di regolazione, non ci sono differenze tra produzione pubblica e privata. Le differenze sorgono quando si riconoscono problemi di incompleta informazione e comportamenti opportunistici.

Anteprima della Tesi di Gianni Carbone

Anteprima della tesi: La privatizzazione nei settori di pubblica utilità. Analisi economica e il caso Italia, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianni Carbone Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4012 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.