Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La privatizzazione nei settori di pubblica utilità. Analisi economica e il caso Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 possibile recuperare il costo totale e quindi l’impresa fallirebbe. Ecco, allora che si suggerisce l’intervento pubblico. Diverse forme di proprietà coesistono in tutti i sistemi economici. Ciò deriva dall’esistenza di diversi problemi e necessità. Ci sono almeno tre spiegazioni a questo fatto: • una specifica forma di proprietà è più efficiente di altre in termini di risultati produttivi; • una forma specifica di proprietà s’impone con un gioco ripetitivo che genera cooperazione; • una forma specifica di proprietà si instaura attraverso un’azione collettiva. La privatizzazione è un cambio istituzionale volto ad alterare la distribuzione dei diritti di proprietà a favore di gruppi o individui privati e a svantaggio dei proprietari non privati (lo Stato) al fine di accrescere la performance economica. Come conseguenza la ratio economica tra proprietà privata e pubblica cade a favore della prima. Questo processo avviene attraverso due modi distinti: la distribuzione dei diritti di proprietà relativi alle attività esistenti o la creazione da soggetti privati di nuove attività. L’importanza della privatizzazione resta legata alla superiorità della proprietà privata sulle altre forme di proprietà in termini di efficienza, incentivi, formazione del prezzo di equilibrio, chiarezza dei diritti di proprietà e riduzione dell’incertezza. A questo punto è lecito chiedersi perché si privatizza? Sul perché, c’è stato fino a qualche tempo fa un gran discutere sullo Stato che gestisce male e sul privato che è più efficiente. Sembra corretto sostenere che da un punto meramente economico, l’unico principio che possa fungere da guida è che vada privatizzato solo ciò che lo Stato non è in grado di gestire efficacemente in un quadro di par condicio generale con il sistema economico privato. Ciò significa che lo Stato, se a parità di condizioni con i privati sotto l’aspetto delle regole del gioco del mercato riesce a gestire in utile un’azienda, potrebbe continuare a farlo qualunque sia questa azienda. Per la maggior parte le argomentazioni a sostegno della privatizzazione sembrano basate sul concetto di efficienza: la produzione pubblica può essere sostituita dalla produzione privata a costi più bassi. Gli incentivi del produttore, in 1 Si veda Schneider (1982), Domberger, Piggott (1986), Yarrow (1986), e al.

Anteprima della Tesi di Gianni Carbone

Anteprima della tesi: La privatizzazione nei settori di pubblica utilità. Analisi economica e il caso Italia, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianni Carbone Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4012 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.