Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una nuova via all'innovazione: creare e gestire la conoscenza grazie al knowledge management

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

20 Schematizzando il senso dell’articolo, le strategie competitive tradizionali si sono mostrate inefficaci per tre motivi: 1) l’aumento della pressione competitiva, dovuto alla concorrenza internazionale e alla liberalizzazione, ha mostrato che settori un tempo caratterizzati da profitti facili oggi sono oggetto di intense battaglie di prezzo; 2) i mutamenti della tecnologia e della domanda rendono sempre più difficile definire i confini dei settori e dei mercati; 3) infine, le ricerche empiriche non hanno ancora dimostrato che le variabili di settore contribuiscano a spiegare le differenze di profitto tra le imprese. Di conseguenza la ricerca del vantaggio competitivo si è spostato sullo sfruttamento e sviluppo delle competenze interne, perché oggi è molto più efficace definire un’impresa secondo ciò che sa fare che non secondo i bisogni che è chiamata a soddisfare. Del resto, la possibilità di ottenere profitti superiori attraverso l’analisi dell’attrattività del settore e del posizionamento spesso sono frutto di particolari risorse e competenze dell’impresa, anche se risulta il più delle volte molto difficile separare i profitti derivanti esclusivamente dalla attrattività del settore da quelli derivanti dal possesso di determinate risorse. Se infatti analizziamo lo schema delle cinque forze competitive ci rendiamo conto che alcune rendite monopolistiche sono determinate dal possesso di risorse o competenze (le barriere all’entrata posso derivare ad esempio dal possesso di brevetti, di marchi, ecc). La resource based view vede dunque l’impresa come un insieme eterogeneo di competenze e risorse distintive. L’analisi delle risorse si svolge su due livelli, definendo innanzitutto quali siano le risorse e quindi studiando le metodologie per la loro combinazione per ottenere un vantaggio competitivo.

Anteprima della Tesi di Luca Setti

Anteprima della tesi: Una nuova via all'innovazione: creare e gestire la conoscenza grazie al knowledge management, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luca Setti Contatta »

Composta da 248 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5555 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.