Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'insindacabilità dei membri delle Camere

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 1.1 IL CONCETTO DI IMMUNITA’ Le immunità parlamentari sono sancite dall’art. 68 della Costituzione e sono caratterizzate dall’insindacabilità e dall’inviolabilità. Le prerogative in questione iniziano a decorrere dal momento dell’elezione del Parlamento e si appllicano ai membri delle Camere (compresi i membri del governo che siano anche parlamentari ed i senatori a vita) sia ai delegati regionali che partecipano all’elezione del Capo dello Stato, limitatamente al periodo in cui il Parlamento è riunito in seduta comune. La ratio dell’immunità non è quella di concedere un privilegio al parlamentare ma di garantire il libero svolgimento delle sue funzioni. Tra l’altro, le immunità sono indisponibili ed irrinunciabili e quei parlamentari che ogni tanto si dimostrano disponibili a farne a meno lo fanno soltanto a fini propagandistici dato che ciò non è possibile nel nostro ordinamento. 1 Con l’approvazione della legge costituzionale che dettava la nuova disciplina delle immunità parlamentari prevista dall’art. 68 della Costituzione, si mise fine ad un periodo tormentato e contrastato in merito al dibattito sulle prerogative parlamentari. Un dibattito presente fin dagli anni immediatamente successivi all’entrata in vigore della Costituzione. Il problema nasceva dall’assicurare un corretto equilibrio di poteri che non intaccasse i diritti ed il mandato dei parlamentari. Già nel 1954, nel primo studio sull’argomento, Lojacono 2 denunciava il solco che si stava aprendo tra le nuove istituzioni ed i principi costituzionali. L’autore sottolineava che già allora si stava formando un movimento più o meno consistente 1 M.L. Mazzoni Honorati, “Diritto parlamentare”, Giappichelli, 2001, p. 127 2 G. Lojacono, “Le prerogative dei membri del Parlamento. Art. 68 della Costituzione”, Giuffrè, 1954, p. 1 e s.

Anteprima della Tesi di Fabio Frabetti

Anteprima della tesi: L'insindacabilità dei membri delle Camere, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fabio Frabetti Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4716 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.