Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione recente e prospettive di riforma della disciplina comunitaria delle concentrazioni orizzontali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I 9 Qualora, tuttavia, si voglia identificare una fattispecie concentrativa, è bene spostare l’attenzione verso l’aspetto qualitativo piuttosto che su quello quantitativo; poco importa, infatti, quante imprese restino sul mercato, ciò che rileva è il controllo, ossia il governo esercitato da un qualsiasi soggetto eco- nomico-giuridico, nei confronti della direzione imprenditoriale e finanziaria di un’altra impresa o gruppo di imprese. 1.1. Le fattispecie che realizzano una concentrazione Sul modo con cui tale controllo può essere acquisito, si è giunti ad un’eterogenea e vasta esemplificazione. In primo luogo, come accennato, vi è l’istituto della fusione, da realizzarsi attraverso incorporazione ovvero costi- tuzione di una nuova impresa (eventualmente una società holding); nel primo caso si parla di fusione per incorporazione, che di fatto vede l’incorporante mantenere la propria identità, nel secondo caso avviene, invece, una fusione in senso proprio, ed allora le due società cesseranno di essere due soggetti eco- nomici distinti dando vita ad un’entità di nuova costituzione. Vi è un altro modo in cui una fusione può essere realizzata: si tratta della c.d. fusione eco- nomica. Con questo termine si vogliono descrivere gli accordi fra due o più imprese che, pur mantenendo inalterate le strutture giuridiche delle stesse, permettono di realizzare una gestione economica comune a carattere perma- nente. A questo proposito la Commissione ha osservato che: “Si può avere concentrazione (…) anche quando, senza che avvenga una fusione sotto il profilo giuridico, le attività di due imprese precedente- mente indipendenti vengono combinate in modo tale da dar luogo ad un’unica entità economica. Ciò può verificarsi, in particolare, quando due o più imprese, pur mantenendo la loro autonomia in quanto persone giuridiche, instaurano contrattualmente una gestione economica comune. Se si ha

Anteprima della Tesi di Andrea Poggi

Anteprima della tesi: Evoluzione recente e prospettive di riforma della disciplina comunitaria delle concentrazioni orizzontali, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Poggi Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1902 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.