Skip to content

La Scuola Apprendisti della Dalmine S.A. dal 1937 al 1948

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 dalla concorrenza internazionale, e la sollecitudine suscitata da un forte senso di giustizia sociale e da ideali umanitari 19 . Alcune istituzioni e personalità ecclesiastiche si muovevano in direzione simile, mosse, tuttavia, da considerazioni e principi differenti. Per i liberali illuminati era in gioco la prospettiva di estendere la conoscenza dei principi del lavoro "moderno" e produttivo a tutti coloro che si dimostrassero capaci di recepirli attraverso lo studio compiuto in apposite scuole: appunto, le scuole professionali. Oltre ad una crescita delle strutture economiche e produttive, si sarebbe così realizzata anche una crescita dell'individuo in grado di elevarsi, non solo professionalmente, grazie ad istituzioni create dalla lungimiranza della nascente borghesia industriale lombarda. Nacque secondo tali prospettive, a Milano, la Società di Incoraggiamento Arti e Mestieri nel 1838. La sua costituzione fu dovuta soprattutto all'opera di Enrico Mylius, animatore del congresso di commercianti e industriali che appoggiò il progetto di creare una associazione finalizzata al miglioramento della pratica manifatturiera a Milano e provincia. Lo scopo dichiarato dell'associazione era di favorire il progresso delle arti industriali e l'istruzione "non solo tecnica", ma "civile e morale" dei lavoratori, e di favorire gli studi e la ricerca scientifica applicata. In un primo momento la Società si limitò all'assegnazione di borse di studio per coloro che con il lavoro e lo studio mirassero ad introdurre miglioramenti tecnici nell'industria chimica e meccanica. Di fatto, tuttavia, vennero gratificati con contributi anche operai e capi fabbrica dimostratisi particolarmente zelanti. Ma il tempo dimostrò l'insufficienza dei soli contributi economici come stimolo al progresso industriale, e la Società decise di erigere scuole di scienze applicate all'industria, la prima delle quali fu quella di chimica, finanziata da Mylius, e diretta alla formazione di operai e capi- fabbrica. Questo fu solo l'inizio di una attività didattica rivolta alla formazione di operai e disegnatori, tra cui la scuola serale e festiva di tessitura serica per operai (1844), e i corsi di geometria (1845) nucleo della Scuola di Meccanica, fondata nel 1854. 20 19 Si vedano le dichiarazioni di Cattaneo citate da F. Hazon, Storia della formazione, cit, pp.61-62, e tratte da "Il Politecnico", marzo 1839, pag.264 20 F. Hazon, Storia della formazione, cit., pag. 64. Seguirono un "Corso per capomastri" e un "Corso per tintoria" (anni '70), la Scuola di Eletttrotecnica (1902), la Scuola Tecnica Superiore, dovuta ad Ettore Conti. Nel '38 quest'ultima ottenne il riconoscimento del diploma di "perito industriale". Sulle vicende della Società vedi la ricostruzione di Carlo G. Lacaita, L’intelligenza produttiva. Imprenditori, tecnici e operai nella Società di Incoraggiamento d’Arti e mestieri di Milano (1838-1988), Milano, Electa, 1990.
Anteprima della tesi: La Scuola Apprendisti della Dalmine S.A. dal 1937 al 1948, Pagina 9

Preview dalla tesi:

La Scuola Apprendisti della Dalmine S.A. dal 1937 al 1948

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Scudeletti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Giulio Sapelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 164

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia economica
storia d'italia
storia contemporanea
dalmine s. a.
ugo gobbato
scuole professionali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi