Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problematiche contabili e di bilancio delle società calcistiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 banca degli sportivi che ne fanno richiesta) e Ubs; mentre in Italia abbiamo il caso della Industria degli investimenti di Mantova che ha al proprio interno un istituto di private banking dal nome: “Banca dello sport”. Questo istituto punta oltre che alla gestione degli investimenti anche alla creazione di siti internet di calciatori con conseguente sfruttamento dell’immagine e del merchandising. Altri possibili introiti per le società di calcio derivano dalle opportunità di ricavi date dalle nuove tecnologie e dalla “new economy”, tra le principali il WAP, l'UMTS, lo sviluppo del commercio elettronico e della pubblicità sul sito web. E ancora è lo sviluppo di canali televisivi tematici, di strutture ricreative legate allo stadio o al marchio. Una prospettiva molto redditizia a livello potenziale è quella che porta una società di calcio a fornire servizi senza riferimento allo sport. I nuovi progetti di gestione diretta degli stadi da parte delle società calcistiche, la quotazione in borsa e più in generale un allargamento del core business potrà aiutare le società ha sostenere l’enorme crescita dei costi, dovuti soprattutto al monte ingaggi. Il peso del costo del lavoro è una variabile importantissima nella valutazione della sostenibilità delle società di calcio, ed in Italia questa variabile non solo non è diminuita, non è neanche diminuita proporzionalmente all'aumento dei ricavi, è infatti esplosa. Ormai l’incidenza del costo del personale tesserato sui ricavi è in media del 70% per quanto riguarda le squadre di serie A. E fino ad oggi l’unica strategia trovata dalle società per far fronte a questa grave situazione è il ricorso sistematico alle plusvalenze da cessione 3 , che il più delle volte sono solo fittizie. Nel 2001 l’ammontare di tutte le plusvalenze è stato di 780 milioni di euro 4 . Quello che però è importante sottolineare è che le plusvalenze da cessione dei giocatori non possono far venir meno l’esigenza di un conto economico equilibrato. Infatti, a fronte del realizzo di plusvalenze esiste la necessità di 3 La plusvalenza da cessione è data dalla differenza tra il prezzo di cessione ed il valore contabile attribuito al diritto dell’utilizzo delle prestazioni del calciatore al netto degli ammortamenti già eseguiti 4 Cfr. Paola Bottelli, www.ilsole24ore.com

Anteprima della Tesi di Massimiliano Bassi

Anteprima della tesi: Problematiche contabili e di bilancio delle società calcistiche, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Massimiliano Bassi Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6235 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.