Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sepolture tardoantiche e altomedievali nelle Puglia centro-settentrionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 I. La Puglia tra tardoantico e altomedioevo: cristianizzazione e organizzazione del territorio. Il problema specifico del passaggio dalla città pagana alla civitas christiana in Puglia non è facilmente risolvibile. Innanzitutto perché non è assolutamente facile ricostruire con sicurezza una mappa delle civitates pugliesi attive tra III e IV secolo; ancora meno facile appare l’individuazione dei loro confini territoriali, che in non pochi casi costituirono, almeno inizialmente, anche i confini delle diocesi; e anche perché in Puglia tale passaggio coincise, in linea di massima, con un altro momento di risistemazione e riorganizzazione del territorio: è l’epoca in cui Diocleziano sostituì alle circoscrizioni regionali augustee le provinciae, costituendo la nuova provincia Apulia et Calabria ( probabilmente nell’anno 290/291 e attestata per la prima volta da un’epigrafe databile tra il 305 e il 307 ). 11 Inoltre la scarsezza di fonti coeve autentiche e credibili; la scarsa attendibilità di fonti medievali – opere geografiche, itinerari – talvolta composte a “tavolino” su documenti antichi, senza riscontro con la effettiva situazione dell’epoca; la tendenza della storiografia moderna a privilegiare la storia delle civitates fino alla prima età imperiale, «lasciando nell’ombra le vicende successive, quelle dei secoli della crisi, della destrutturazione e del decadimento degli insediamenti, delle trasformazioni determinate, a diversi livelli, anche dal diffondersi del nuovo credo», rendono difficili l’approfondimento di questo delicato momento di passaggio 12 . 11 SILVESTRINI 1990, pp. 209-212; OTRANTO 1991, pp. 16-21; VOLPE 1996, pp. 25-41. La stessa denominazione Apulia et Calabria bene evidenziava la dualità della regione e la netta distinzione tra i due territori che la costituivano (GRELLE-VOLPE 1994). 12 OTRANTO 1991, p.127; CAMPIONE – NUZZO 1999, p.17.

Anteprima della Tesi di Tiziana Monterisi

Anteprima della tesi: Sepolture tardoantiche e altomedievali nelle Puglia centro-settentrionale, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Tiziana Monterisi Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2560 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.